Archive for ‘# Twitter Trends’

martedì 28 maggio 2013

“Approvato nostro emendamento su aumento pene. Vittoria!” Il tweet di Pina Picierno che diventa una gaffe

picerno

read more »

sabato 11 maggio 2013

#LettaFirmalo, Invito del M5s a Letta a firmare il decreto per l’abolizione immediata dei rimborsi elettorali e il dimezzamento dello stipendio dei parlamentari

Movimento Cinque Stelle_20130511-120852

read more »

lunedì 22 aprile 2013

#ècolpaditwitter, l’ironia sul Pd

#ècolpaditwitter è il nuovo hasthag boom su Twitter. Ha rapidamente scalato la classifica dei Trend di Twitter e in poche ore ha raggiunto il top l’hashtag #ècolpaditwitter, viene utilizzato per ironizzare sulle cause della debacle del Pd.

Migliaia i messaggi che si accodano. “se il giaguaro è ancora macchiato #ècolpaditwitter”, “#ècolpaditwitter se oggi è lunedì!, “#ècolpaditwitter se Napolitano ha 87 anni”, “#ècolpaditwitter se poi alla fine si possono giustificare comodamente così i propri fallimenti!!”, “Bersani dice #ècolpaditwitter ma secondo me la colpa è degli incontri di Renzi con D’alema e Berlusconi!”, “#ècolpaditwitter è il nuovo #lofacciaunpartito Non perdono occasione di farsi deridere e talvolta le creano”.

read more »

lunedì 10 dicembre 2012

Torna Berlusconi e su Twitter spopola l’hashatg #nonlovoto

Berlusconi ha annunciato la sua ridiscesa in campo e su Twitter l’ironia non si è fatta attendere e così l’hastag #nonlovoto è ben presto entrato nelle preferenze nelle tendenze italiane di Twitter

Oltre a questo hashtag ne è nato pure un altro legato al rientro del Cavaliere ed è #9anni lanciato proprio pare da Berlusconi stesso, leagto al nuovo sito internet che magnifica tutto quello fatto nei 9 anni di governo Berlusconi.

“Ironia e creativita’ degli italiani che scelgono di ridere di gusto per non piangere”. Cosi’ Dario Franceschini commenta l’hashtag “#nonlovoto” comparso su Twitter dopo l’annuncio di Silvio Berlusconi a Milanello, ‘torno per vincere’.

Debora Serracchiani@serracchiani (Partito Democratico)

#nonlovoto perché in 20 anni c’ha portato nel baratro e non se ne vergogna neanche

read more »

lunedì 3 dicembre 2012

E il Papa sbarca su twitter

Benedict XVI (Pontifex)

Da oggi Benedetto XVI è sbarcato su twitter

read more »

domenica 28 ottobre 2012

#ancoratu ma non dovevamo vederci più? L’ironia di Twitter si scatena su Berlusconi

Ecco spuntare un hashtag per commentare il ritorno del Cavaliere. Tra l’annuncio al Tg5 e la conferenza stampa a Villa Gernetto, #ancoratu è schizzato ai trending topic del microblogging.

L’inventore dell’hashtag è il vicedirettore di Europa, Filippo Sensi (@nomfup), prolifico e raffinato animatore di conversazioni su twitter, che ha raccolto l’assist di @BABAUit «urge hashtag sulla retromarcia» per la creazione di una formula intorno a cui raccogliere in tempo reale su twitter la conversazione-parodia intorno all’esternazione di Berlusconi. Filippo spiega che «ci voleva qualcosa di malinconico, perplesso, stuporoso, rassegnato». Insomma, Battisti.

Ancora tu non mi sorprende lo sai. Ancora tu ma non dovevamo vederci più? E come stai? Domanda inutile. Stai come me e ci scappa da ridere.

read more »

sabato 27 ottobre 2012

I figli “choosy” del Governo Monti – Un posto fisso non si nega a nessuno, al precariato ci pensino gli altri

  • Elsa Fornero

la cui figlia, Silvia Deaglio, (il papà è l’economista Mario Deaglio), a soli 37 anni è già professore associato alla facoltà di Medicina dell’Università di Torino (dove madre e padre sono professori ordinari), oltre ad esser anche responsabile della ricerca presso la HuGeF, una fondazione che si occupa di genetica. fondazione finanziata da Banca Intesa (dove la madre era nel consiglio di Sorveglianza).

L’altro figlio, Andrea Deaglio, invece, è uno stimato regista e produttore di film socialmente impegnati (emarginazione, minoranze etniche).

read more »

martedì 23 ottobre 2012

#choosy la tendenza del momento su Twitter, si fa ironia contro la Fornero

Una valanga di tweet che arrivano alla velocità della luce. Un paio di hashtag #choosy e #Fornero che in poco meno di cinque ore diventano la tendenza del momento. Sono giovani, in tanti tantissimi, apprendisti, ricercatori con tanto di Phd, precari, indignati della rete. E questa è la protesta della piazza virtuale, che si ribella alla scelta lessicale («Giovani non siate schizzinosi», ndr) del ministro del Lavoro.

Alcuni spiegano in 140 caratteri le propria esperienze lavorative. “Curriculum: lavapiatti, aiutocuoco, cameriere, volantinaggi, raccolta agricola, segretario, call center – scrive un utente di twitter che poi precisa- Laurea in Psicologia”. Anche alcuni giornalisti hanno partecipato al dibattito. Il tweet di Alessandro Robecchi, redattore del Manifesto, che invoca le dimissioni immediate della ministra, ha ricevuto 200 retweet. Controcorrente il giornalista della Zanzara, Giuseppe Cruciani, che twitta “#Fornero ha perfettamente ragione. Al 200 per cento. E #choosy è pure poco”.

read more »

giovedì 18 ottobre 2012

#vieniafirmare, l’hastag della raccolta firme della Lega Nord del 20-21 ottobre

#vieniafirmare

Gazebata in tutta la Padania
Sabato 20 e domenica 21 ottobre 2012 si terrà una grande gazebata a livello federale, per raccogliere le firme a sostegno delle tre nuove Proposte di Legge di Iniziativa Popolare depositate in Cassazione.
Vista l’importanza dell’argomento, le Segreterie di Circoscrizione e Sezione, dovranno attivarsi tenendo presente che anche in questa occasione il Movimento chiede il massimo sforzo affinchè ci sia una massiccia presenza di gazebo su tutto il territorio di nostra competenza.

read more »

giovedì 4 ottobre 2012

#NuoveRegolePrimariePd l’hashtag per le primarie del centrosinistra

La vicenda delle primarie del centrosinistra con le polemiche che stanno montando negli ultimi giorni a proposito delle regole non ancora chiare, e che sembra saranno cambiate rispetto alle precedenti primarie non hanno mancato di suscitare l’ironia della rete, oltre alle critiche del candidato Matteo Renzi che si chiede perchè vengano modificate proprio ora.

Ecco così si scopre che per candidarsi alle primarie serviranno 17 mila firme, a quanto si apprende, o il sostegno di 90 membri dell’assemblea. Per votare alle primarie, invece, ci saranno tre settimane di tempo per i cittadini per sottoscrivere il Manifesto dell’Italia che darà la tessera per votare ai gazebo. Poi si parla del ballottaggio in caso nessuno dei candidati raggiunga il 50% dei voti.

read more »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: