Archive for ‘Leoluca Orlando’

sabato 3 novembre 2012

Orlando “L’Idv non è finito. E’ morto”

L’Idv non è finito. E’ morto. Come tutti i partiti”, sentenzia il primo cittadino di Palermo in un’intervista alla Stampa. “La soluzione – afferma ancora Orlando – certo non è fare un congressino che porti a un partituccio di funzionarietti”. Il sindaco boccia anche la tentazione di una convergenza con il movimento di Bepp Grillo. “Il leader dei 5 Stelle – dice – non è la terapia, è il termometro. Il vero punto è riconquistare gli astensionisti , in Sicilia il 53%”.

read more »

lunedì 29 ottobre 2012

Leoluca Orlando: “La mafia ha il volto dello Stato”

Leoluca Orlando sindaco di Palermo a 24 Mattino: “Astensionismo è la morte dei partiti politici. Sicilia ingovernabile”; trattativa Stato-mafia: “Io so che ci fu e che Borsellino fu ucciso per questo”…

read more »

martedì 28 agosto 2012

Orlando: Berlusconi? Verrà ricordato per aver sdoganato la pornografia

“E’ un segno della decadenza del Pdl, della profonda crisi di quel movimento. Penso, e lo dico ironicamente, che Silvio Berlusconi più che per essere stato un – per altro pessimo – politico, verrà ricordato per aver, per così dire, sdoganato e reso ‘popolare’ la pornografia e il cattivo gusto, trasformandoli in cultura di massa. Ha reso popolari i vizi della Prima Repubblica. Il vizio della corruzione con Berlusconi è diventato popolare, il vizio del conflitto di interessi è diventato cultura da condominio di borgata”.

read more »

martedì 10 luglio 2012

Orlando si dimette da deputato e da Comm. errori sanitari

In seguito al giuramento di fronte al nuovo Consiglio comunale di Palermo riunitosi per la prima volta oggi a Palazzo delle Aquile, il sindaco del capoluogo siciliano Leoluca Orlando ha rassegnato le sue dimissioni da deputato, con una lettera indirizzata al presidente della Camera Gianfranco Fini. Contestualmente, cessa dalla carica di Presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori e i disavanzi sanitari.

”Lascio un incarico – dice Orlando – ricoperto in questi anni con impegno e massima attenzione nei confronti del diritto alla tutela della salute, diritto previsto dalla nostra Costituzione. Consapevole del delicato momento cui la sanita’ pubblica e’ sottoposta, a causa della difficile situazione economica, auguro buon lavoro al mio successore, sperando che il suo nome venga scelto quanto prima”.

read more »

domenica 3 giugno 2012

Orlando non si è ancora dimesso da deputato: “Aveva promesso di farlo entro 15 giorni” e Vattinno il suo successore protesta

'Tra 15 giorni mi dimetto da parlamentare e da presidente di un'importante commissione, quella sugli errori sanitari e faro' il sindaco''. Sono parole pronunciate da Leoluca Orlando il 26 aprile scorso. Da quel dì sono passatiquasi 40 giorni e il portavoce Idv è ancora parlamentare. Nella memoria di tutti restano le famose parole pronunciate dall'ex leader della Rete il 1 marzo scorso: ''Orlando il sindaco l'ha già fatto e non lo farà più, come devo dirlo in aramaico?

“Apprendo che Leoluca Orlando si è indignato perchè la Camera ha  iniziato la procedura per sfrattarlo e questo desta veramente sorpresa  perchè tale procedura viene avviata quando il parlamentare eletto sindaco non se ne va di sua volontà. E’ quindi un atto dovuto per fare rispettare la legge ovvero una sentenza della Corte costituzionale.

Le dimissioni che Orlando avrebbe inviato non sono valide perchè le demanda ad  un suo eventuale giuramento da Sindaco che egli stesso potrebbe rinviare alle calende greche. Anche io sono indignato visto che devo succedergli in Parlamento e il portavoce Idv non sloggia. Questo dal punto di vista puramente legislativo. Per quanto poi riguarda l’aspetto politico della vicenda la sorpresa è doppia in quanto in campagna elettorale Orlando aveva dichiarato che si sarebbe dimesso immediatamente dopo essere divenuto sindaco, cosa che evidentemente non ha fatto essendo dovuta intervenire la Camera a ricordarglielo (ma Orlando, com’è noto, parla solo l’ aramaico).

read more »

giovedì 10 maggio 2012

Palermo, Orlando al 47,%, Ferrandelli 1 17,34%

Ovviamente, certificato il ballottaggio tra Leoluca Orlando (47,42%), candidato di Idv e Fsd e liste civiche e che ottiene 105.286 voti, e Fabrizio Ferrandelli (17,34%), appoggiato da Pd e Sel, e liste civiche e che ha portato a casa un bottino di 38.498 voti.

Fuori dalla partita, gli altri candidati a sindaco.

A partire da Massimo Costa (Pdl, Udc e Grande Sud) che ottiene una percentuale del 12,61%, pari a 28mila voti.

Alessandro Arico’ (Fli, Mpa e Api), arriva all’8,71% pari a 19.350 voti. Marianna Caronia (Pid, liste civiche) non va oltre al 7,19%, in voti 15.968. Riccardo Nuti (Movimento 5 stelle)4,91%, 10.910; Giuseppe Mauro (Adc), 0,37%, 823 voti; Tommaso Dragotto 0,89, 1.985%; Rossella Accardo, (Movimento dei forconi), 0,28%, 630; Marco Priulla (Partito comunista dei lavoratori), 0,16%, 364. Gioacchino Basile, 0,11%, 235 voti. Schede nulle 20199, voti nulli 2.879, schede bianche 6.477.

martedì 8 maggio 2012

Ferrandelli, Orlando?”Un Berlusconi di sinistra”

E’ stata una notte costruttiva passata coi ragazzi del comitato per riorganizzare la campagna elettorale”, dice il candidato sindaco PD a Palermo, Fabrizio Ferrandelli, a Tgcom24. “Ci aspettavamo di arrivare al ballottaggio, non ci aspettavamo – ammette – un voto strutturato degli uomini dell’ex sindaco Cammarata che andava in maniera disgiunta su Orlando”.

“Orlando – attacca – lo conosco bene, non sta messo bene con la democrazia. Io non ho lasciato l’IDV, sono stato buttato fuori quando hanno voluto me come candidato alle primarie”. “Lui ha detto tutto e il contrario di tutto: butta il sospetto su tutto, parla sempre di inciuci”, incalza Ferrandelli che invita a analizzare i dati: “Il mio voto e’ della coalizione, il suo e’ il voto di forze diverse dalla coalizione che lo sostiene. Stiamo pagando una grande divisione delle forze del centrosinistra”.

“Mi sono sentito sostenuto dal Pd, e’ un dato interessante di una societa’ civile e viva che combatte e porta risultati. Chiedo l’appoggio – spiega – di chi vuole il rinnovamento. Si riparte da zero e finalmente i palermitani potranno scegliere senza il condizionamento dei partiti. Ci sara’ un grande referendum tra chi vuole portare avanti questa citta’ e chi invece al vuole riportare indietro. Tra chi vuole la democrazia e chi invece si propone come un nuovo monarca”.”Orlando – conclude – e’ un Berlusconi di sinistra, non abbiamo bisogno di un uomo solo al comando, abbiamo bisogno di una squadra per superare i dati elettorali e strutturare un’azione amministrativa che duri negli anni”.

read more »

martedì 8 maggio 2012

A Palermo Orlando potrebbe perdere 10-15 punti %

Ci sarebbe stato infatti un errore da parte degli uffici elettorali che hanno assegnato le percentuali sulla base del totale dei voti attribuiti ai singoli candidati sindaci. Un errore d’interpretazione della legge, la quale invece prevede che la base del calcolo dovrebbe essere effettuata sulla base del totale dei voti attribuiti ai singoli candidati sindaci.

read more »

martedì 8 maggio 2012

Ferrandelli: “Orlando è un cialtrone”

Alta tensione a Palermo in vista del ballottaggio per la poltrona di sindaco. “Orlando è un cialtrone”, ha dichiarato Fabrizio Ferrandelli, il candidato di Pd, Sel e altre liste. “Chiedo un confronto pubblico con lui – ha aggiunto, alzando i toni della battaglia politica -. Deve guardarmi negli occhi quando dice certe bestemmie. Io lo conosco bene per essere stato con lui tanti anni, so come lavora”.

Tgcom24

read more »

martedì 8 maggio 2012

Orlando: “Da giorni ho tolto la spilla dell’Idv. Di Pietro ora è il più felice d’Italia”

“Da giorni ho tolto la spilla dell’Idv. Di Pietro ora è il più felice d’Italia”. Io ho tolto da giorni la spilla di Italia dei Valori, e tra qualche giorno sarò un ex deputato di italia dei Valori, perchè il sindaco non deve essere legato a nessun partito». Lo ha detto il candidato sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, rispondendo ai cronisti arrivati al suo comitato elettorale per commentare i risultati delle amministrative. «In questo momento – ha detto Orlando -, la persona più felice d’Italia è Antonio Di Pietro. Anzi, è la seconda persona più felice d’Italia, perchè il primo sono io».

read more »

sabato 31 marzo 2012

Leoluca Orlando apre la campagna elettorale in 10 diverse lingue

read more »

venerdì 30 marzo 2012

Orlando, credo ad una Vasto “Pulita”

(AGENPARL) – Roma, 30 mar – Con l’avvicinarsi delle elezioni amministrative di Palermo, l’AgenParl ha intervistato Leoluca Orlando, candidato sindaco per l’Idv. Orlando ha fatto parlare di sé per essere entrato nella competizione nonostante il risultato delle primarie di centrosinistra, in cui è risultato vincitore Fabrizio Ferrandelli.

Cosa non le è piaciuto di Ferrandelli tanto da farla scendere in campo?

Il mio non è un problema che riguarda i candidati, quanto piuttosto lo svolgimento di primarie inquinate, che sono la negazione di primarie libere. Purtroppo si è verificato a Palermo quello che si è verificato con le primarie del Pd a Napoli: così mi sono chiesto se sia possibile accettare questo attentato alla libertà di voto, in una città come Palermo, come se fosse un dettaglio. Una seconda considerazione è che Palermo è una città ferma in una profondissima crisi economica e di sviluppo; al tempo stesso, ha un’Amministrazione comunale che può definirsi in condizioni di dissesto finanziario. Mettendo insieme questi due argomenti, mi è sembrato doveroso dare alla città un’Amministrazione che affronti i problemi e che arresti la crisi che l’ha colpita negli ultimi dieci anni.

read more »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: