Urbino rinuncia a concorrere per il ruolo di «Capitale italiana della Cultura»

Urbino rinuncia a concorrere
per il ruolo di «Capitale italiana della Cultura»
Vittorio Sgarbi (Assessore alla Rivoluzione): «Formulari favoriscono
progetti modesti. Il ministro dovrebbe evitare penose competizioni
mettendo le città d’Italia una contro l’altra »
ROMA – Urbino, la più importante città del Rinascimento italiano rinuncerà a concorrere per il ruolo di «Capitale italiana della Cultura».
Lo ha deciso, con un gesto fortemente provocatorio nei confronti del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Vittorio Sgarbi, che della nota città marchigiana è l’assessore alla Rivoluzione.
«Dopo la vittoria di Matera come “Capitale europea della Cultura”, il Ministro – osserva Sgarbi –  ha pensato a una riparazione chiedendo, nella la grottesca logica dei concorsi e delle competizioni, di partecipare a un concorso a dimensione nazionale. La posta in palio, un milione di euro, è certamente  allettante per comuni che hanno sempre più forti limitazioni di fondi; ma i formulari per presentare i progetti favoriscono una vacua e autocelebrativa rappresentazione della grande storia di ogni città e la proposta di ambiziosi e inevitabilmente modesti progetti di iniziative.
Con quali criteri – si chiede Sgarbi – si sceglierà la città vincitrice ? E in base agli umori di quale commissione ? E con quale affidabilità sulla bontà delle proposte ? E’ evidente che Urbino  per il suo passato è incomparabile, come qualunque altra città d’arte italiana
Quanto al futuro, come si può giudicare una cosa che è solo annunciata con tutti i buoni propositi ?
Capitale della Cultura – spiega Sgarbi – dev’essere una città che s’impone per quello che è stata, e a cui si affida di essere degna della sua storia: Mantova, Ferrara, Lecce, Urbino, Verona, ognuna in diverso modo.
Il ministro – conclude Sgarbi – dovrebbe evitare penose competizioni mettendo le città d’Italia una contro l’altra, con improbabili confronti e progetti ambiziosi. Semplicemente dovrebbe, ogni anno per i prossimi dieci, scegliere una delle capitali culturali d’Italia, ovvero delle città d’arte, e metterla alla prova. Soltanto a dimostrazione avvenuta si potrà scegliere quella che ha dato il meglio. Un giudizio sulle cose, non sulle promesse. Per questo Urbino si sottrae alla “mattanza” e preferisce fare con i propri mezzi che sperare di averne in una insensata corsa al massacro. La cultura non è in competizione, ma in capacità e merito dimostrati»

Riceviamo e pubblichiamo dall’ufficio stampa di Vittorio Sgarbi

 

Per approfondire vai a Gli Intoccabili


facebook_30x30twitter_30x30 youtube_30x30rss_30x30newsletter_30x30 tumblr - Copia
——————————–
Iscriviti alla Newsletter (New)
Per iscriverti: Manda una mail con oggetto: Iscrizione Newsletter a: intoccabili.gli@gmail.com
Per disiscriverti: Manda una mail con oggetto: Lascio la Newsletter a: intoccabili.gli@gmail.com Grazie… 🙂
——————————–

Avviso ai naviganti: La pubblicità nel mio blog è inserita da WordPress: non ci guadagno nulla e non ho controllo su ciò che viene pubblicizzato. Rimango contrario a qualsiasi pubblicità imposta ai blog.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: