Londra: “Calendario Di Meo 2015”

Riceviamo e pubblichiamo

 Londra, 15 novembre – Royal Academy of Arts

CALENDARIO DI MEO 2015

 “A Grand Tour around Vesuvius”

 Listri inside Hamilton’s Naples

 

 

 Sarà una festa dell’arte che attingerà a piene mani dalle tradizioni e dalla cultura napoletana, la presentazione del Calendario Di Meo 2015. La nuova edizione della pubblicazione sarà infatti svelata all’interno di uno dei templi della cultura internazionale: la Royal Academy of Arts di Londra.

Il 15 novembre, nei saloni dell’istituzione culturale britannica, vedrà la luce il tredicesimo calendario realizzato dall’Associazione culturale “Di Meo Vini ad Arte”, che quest’anno rinsalderà il rapporto tra la Capitale inglese e l’ex Capitale del Regno delle Due Sicilie, attraverso gli scatti del fotografo Massimo Listri che rievocheranno la Napoli di Sir William Hamilton, grande collezionista di quadri e oggetti molto apprezzati dai visitatori del Grand Tour, all’epoca stupiti dal fascino, appena venuto alla luce, di Pompei ed Ercolano.

 

 

 La festa di Londra

Il Calendario Di Meo 2015 approderà quindi nelle sale museali di Burlington House, che per l’occasione saranno aperte anche alla più grande retrospettiva mai realizzata sui lavori di Anselm Kiefer e alla prima mostra completa nel Regno Unito dei capolavori del Rinascimento italiano firmati da Giovanni Battista Moroni. Qui, rivivrà il racconto di Sir William Hamilton di quella Napoli di fine ‘700 che tornerà a essere descritta attraverso lo sguardo di un maestro della fotografia d’architettura e d’ambienti come Massimo Listri.

E proprio per omaggiare a pieno la figura di Sir William Hamilton, in occasione della festa di Londra, sarà presentata anche una etichetta, abbinata a una vinificazione speciale, creata nelle cantine Di Meo. Si tratta appunto della “Selezione Hamilton” di Taurasi Riserva (vendemmia 2007), prodotta in edizione limitata e da collezione (500 casse da 6 bottiglie l’una) che andrà in abbinamento con l’edizione 2015 del Calendario Di Meo.

 

La Napoli di Sir William Hamilton torna a vivere

“A Grand Tour around Vesuvius – Listri inside Hamilton’s Naples” rappresenta dunque, nel titolo stesso del calendario, un viaggio fotografico attraverso i luoghi della bellezza campana, come il Palazzo Reale e il Teatro San Carlo di Napoli, le Regge di Caserta e Capodimonte, la Villa Campolieto a Ercolano, per finire con altri suggestivi siti d’interesse artistico-culturale come il Casino di San Leucio, la Piscina Mirabilis di Bacoli, la Tenuta Reale di Carditello e la Certosa di San Martino. Tra le particolarità del calendario spicca la fotografia della Villa Hamilton a Dessau-Wörlitz, gemella dell’omonima Villa Hamilton di Posillipo, edificata in uno dei primi e più grandi giardini all’inglese d’Europa, durante la reggenza del Principe elettore Leopoldo III di Anhalt-Dessau. Si tratta di una copia, in tutto e per tutto, identica della villa di proprietà di Hamiltona Posillipo, dedicata a sua moglie Emma.

Un percorso sulla rotta del Grand Tour, quello intrapreso da Massimo Listri, che fa rivivere la stessa magia con cui l’ambasciatore Hamilton raccontava la sua esperienza campana nelle lettere della corrispondenza con la Corona inglese. Missive, quelle di Sir William Hamilton, che per gentile concessione della National Archives Image Library, arricchiscono l’edizione 2015 del calendario nella loro versione autografa e inedita, tradotte da uno dei più grandi studiosi e saggisti di Hamilton, Carlo Knight.

Il calendario promosso dall’Associazione culturale “Di Meo Vini ad Arte”, nel corso degli anni si è affermato grazie ai suggestivi e sorprendenti appuntamenti internazionali che ne hanno accompagnato la sua crescita, dal suo debutto del 2003 nella tenuta agricola di Salza alle più recenti feste di presentazione di New York (2007), Marrakech (2010), Berlino (2011) fino al successo dell’ultima edizione andata in scena al Museo Nazionale di Varsavia.

Anche quest’anno, la prefazione al calendario, sarà arricchita dalle presentazioni realizzate da personalità di spicco del mondo dell’arte e della cultura, come Vittorio Sgarbi, che offrirà interessanti spunti critici sull’autore, introducendo quel filo conduttore capace di unire la Napoli di Hamilton con quella odierna immortalata da Listri. E come Charles Saumarez Smith, che introdurrà gli ospiti nella storia della Royal Academy of Arts e nei meandri della vita di William Hamilton, tra i primi sostenitori dell’istituzione artistica londinese.

Il Presidente

Generoso di Meo

 

Calendari Di Meo, una storia d’arte e vini

 

 

 

 

 

Generoso Di Meo, ginecologo, appassionato di musica e arte, non avrebbe mai pensato, una quindicina di anni fa, di diventare il promotore di un’associazione culturale che avrebbe assorbito gran parte del suo tempo libero. L’azienda vitivinicola di famiglia sembrava, all’epoca, un’impresa che assorbiva integralmente solo i suoi due fratelli: Erminia, che curava gli aspetti finanziari e commerciali, e Roberto l’enologo. Il bel casale settecentesco di Salza Irpina, sede dell’azienda che in passato appartenne ai Caracciolo, attraeva l’attenzione del ns. medico solo in quanto possibile location per qualche bella serata da trascorrere con ospiti stranieri, desiderosi di allontanarsi per qualche ora dalla confusione napoletana.

 

Il calendario nasce in cantina

Poi, grazie alla consuetudine di Generoso con alcuni noti fotografi e con l’idea di realizzare foto delle bottiglie di vino e di liquore prodotte dai fratelli, sbocciò un’idea che cominciò a maturare insieme ai vini, all’interno della cantina Di Meo. La breve collaborazione con il Calendario Pirelli, fece il resto e, a quel punto, perché non riunire le foto degli amici fotografi, ispirati ognuno dai propri temi artistici preferiti, pubblicandole in un calendario?

Da qui l’idea di trasformare il gioco in un evento: una sorta di Grand Tour in cui ogni anno il vino è presentato in un luogo diverso e artisticamente rilevante, con una grande festa, durante la quale il protagonista è proprio il calendario, legato ogni anno a un tema specifico ispirato dal mondo dell’arte. All’inizio, il principale problema era nel coprire i costi di una pubblicazione e di una presentazione che non poteva ricadere integralmente sulle spalle dell’azienda. La compianta Erminia, con il suo ben noto scetticismo, si limitava a dire: “Generoso, ci farai chiudere con tutte queste spese…”.

La soluzione era naturalmente nel trovare sponsor interessati e disponibili a comprare piccoli spazi pubblicitari sul calendario, che non alterassero l’equilibrio grafico di quello che si presenta come un vero e proprio catalogo di una mostra. Così, all’antica gioielleria locale, si affiancò il gigante delle telecomunicazioni, la fondazione di qualche Istituto di Credito e una Banca locale. Un’attività febbrile e un lavoro dietro le quinte che ha permesso al calendario promosso dall’Associazione culturale “Di Meo Vini ad Arte”, di affermarsi grazie ai suggestivi e sorprendenti appuntamenti internazionali che ne hanno accompagnato la sua crescita, dal suo debutto del 2003 nella tenuta agricola di Salza.

 

Le edizioni del calendario Di Meo

 

Edizione 2003 – “Fotografi in cantina”

Cantine Di Meo – Salza Irpina (Avellino)

Fotografie a cura (tra gli altri) di Giovanni Gastel, Uberto Gasche e Cesare Accetta.

Si comincia con le bottiglie di vino della cantina Di Meo come soggetto interpretato e declinato da circa trenta fotografi. Un nutrito gruppo di artisti dell’immagine, ognuno con un background professionale differente dal mondo dell’arte, dell’architettura, del cinema o della moda, interpretano il tema dei vini Di Meo secondo il proprio peculiare sguardo prospettico, dando vita a un caleidoscopio di immagini .

 

Edizione 2004 – “Di Meo a Capodimonte”

Museo di Capodimonte – Napoli

Fotografie a cura di Luciano Pedicini

Proveniente dal mondo della fotografia d’arte, Luciano Pedicini, fotografo ufficiale del Museo di Capodimonte, interpreta il legame con il vino nei quadri esposti nelle sale museali e quelli conservati nei depositi del Museo. Si apre così un focus sul “nettare degli dei” dal punto di vista della sua iconografia classica. Dal Bacco di Annibale Carracci ai temi ricorrenti dell’uva, Pedicini esalta i dettagli e traghetta il calendario verso un’eco nazionale.

 

Edizione 2005 – “Di Meo per il “Grand Tour” di Alexander Creswell

Palazzo Taverna – Roma

Acquerelli di Alexander Creswell

Per un anno le foto cedono il passo alla pittura, con gli acquerelli di Alexander Creswell che ripercorrono il personale Grand Tour dell’autore britannico legato al Principe Carlo d’Inghilterra. La sensibilità contemporanea di Creswell fa quindi rivivere il gusto di ieri di una lunga serie di scorci italiani, tra edifici di culto e altri siti patrimonio della nostra cultura.

 

Edizione 2006 – “Di Meo a Bordeaux”

Musee’ de la Chasse – Parigi

Bozzetti e fotografie delle opere di Ivan Theimer

Le opere, i bozzetti e i disegni preparatori realizzati da Ivan Theimer sono i protagonisti di un’edizione che culmina con un omaggio alla colonna in marmo rosso e bronzo, realizzata dallo scultore boemo in Place de la Victoire a Bordeaux. Un monumento concepito come un omaggio al vino che Theimer interpreta prendendo spunto dal retaggio pompeiano e dal filo conduttore del vino attraverso la storia e l’arte.

 

Edizione 2007 – “Di Meo a New York”

Cipriani Wall Street – New York

Installazioni in alluminio di Lello Esposito – Fotografie a cura di Fabio Donati

Il demiurgo dei celebri Pulcinella, Lello Esposito, realizza le originalissime sculture, fotografate da Fabio Donato, con i dodici scatti che raccontano i dodici mesi tra la plasticità dell’alluminio fuso e la cromaticità dei vini prelibati. Numeri e segni zodiacali che partendo dal caos fanno emergere lo scorrere del tempo, per una presentazione sfavillante presso l’ottocentesco palazzo della Borsa di Wall Street, reinventato dall’eleganza del brand Cipriani.

 

Edizione 2008 – “A passo falso”

Casinò de Madrid – Madrid

Fotografie a cura di Guido Albi Marini

Nelle foto raccolte da Guido Albi Marini nelle strade di Napoli e di Madrid spicca il trionfo dell’informale e dell’espressionismo astratto rivisitato attraverso pietre, intonaci, porte, rielaborate fino all’evocazione dei quadri monocromatici di Rothko. Elementi urbani e percezioni scrutate fin nei minimi dettagli e particolari per un collage d’immagini che uniscono Napoli alla Spagna.

 

Edizione 2009 – “Mise en scene a Pompei”

Palazzo Bovara – Milano

Fotografie a cura Giustino Chemello

Un omaggio a Pompei, la più affascinante realtà artistica del Mezzogiorno, rivissuta nelle foto di Giustino Chemello attraverso la curiosità dell’uomo di oggi e la sensibilità di un artista contemporaneo che ha reso le immagini del celebre sito archeologico in una dimensione quasi metafisica. Il tutto per un evento che ha “avvolto” le sale settecentesche di Palazzo Bovara, spazio di particolare fascino per storia, dimensione ed eleganza degli arredi.

 

 

Edizione 2010 – “Due sipari per due Sicilie”

Teatro Politeama Garibaldi – Palermo

Fotografie a cura di Luciano Romano ed Ettore Magno

Due pittori, due scenografi, due teatri, due sipari. Due Sicilie. Questi i temi al centro di un calendario che mette a confronto due artisti, padre e figlio, che nell’arco di 50 anni hanno portato a compimento due meravigliose opere d’arte. Si tratta dei sipari di Giuseppe e Gustavo Mancinelli, rispettivamente del Teatro San Carlo di Napoli e del Teatro Politeama di Palermo che ha riportato alla luce il più prestigioso lavoro di Gustavo Mancinelli, recuperato dalla Sopraintendenza Regionale ai beni culturali di Palermo, all’interno dei magazzini del Teatro Massimo

 

Edizione 2011 – “Cahiers Marocains”

Palazzo Kadiri – Marrakech

Dipinti su tela, acquerelli e Xilografie di Stefano Ussi e Cesare Biseo

Le avventure diplomatiche di Edmondo De Amicis in Marocco secondo la visione di due suoi compagni di viaggio d’eccezione come Stefano Ussi e Cesare Biseo. Questo il tema dominante di un calendario che ripropone l’Oriente ottocentesco e la fascinazione romantica per l’esotico che aveva già contraddistinto, in un’aura ancora neoclassica, lo Stile Impero, o, ancora prima, le chinoiseries del Rococò.

 

Edizione 2012 – “Icone berlinesi”

Aeroporto di Tempelhof – Berlino

Fotografie a cura di Angelo Bucarelli

L’edizione del decennale è un omaggio a Berlino e alle sue icone degli anni ’20 e ’30. Su questo tema Angelo Bucarelli interpreta la capitale del dinamismo e dell’eccentricità attraverso i personaggi che ne hanno scritto pagine indelebili di storia, per un viaggio di immagini e segni zodiacali, con i prospetti astrologici delineati da Carla Cervi, che passa in rassegna i volti di Walter Gropius, Thomas Mann, i filosofi Edith Stein e Walter Benjamin, i registi Max Rheinardt e Fritz Lang, il poeta Berthold Brecht, il fisico Albert Einstein e l’attrice Marlene Dietrich.

 

Edizione 2013 – “L’anima del tempo”

Convento dei Girolamini – Napoli

Fotografie a cura di Massimo Listri

A dieci anni dall’indimenticabile festa nelle sale del Museo di Capodimonte, il Calendario ritorna a Napoli. E per l’occasione punta il suo sguardo all’interno delle Chiese partenopee, quelle meno note o addirittura chiuse al culto. Massimo Listri riporta alla luce la splendida realtà artistica delle “chiese negate” ai napoletani con la collaborazione del soprintendente Fabrizio Vona che ha fatto da Cicerone tra gli altari e le navate esposte al rischio dell’oblio.

 

 

Edizione 2014 – “Memoria e Futuro”

Museo Nazionale – Varsavia

Fotografie a cura di Massimo Listri

 

Le straordinarie vedute di Varsavia di Bernardo Bellotto sono ricostruite attraverso gli inserti fotografici di Massimo Listri che, di fatto, ricostruisce la capitale polacca sovrapponendo l’immagine fotografica ai luogi resi immortali dal pittore veneziano. Con lo spirito dell’artista concettuale Listri ha ricercato le posizioni scelte da Bellotto nel dipingere gli edifici monumentali negli spazi urbani per una sovrapposizione perfetta e coerente in cui le carrozze convivono con le automobili, i passanti di oggi con i personaggi in abiti d’epoca, i monumenti nelle piazze con gli arredi urbani, in un miscuglio del tutto plausibile.

Per approfondire vai a Gli Intoccabili


facebook_30x30twitter_30x30 youtube_30x30rss_30x30newsletter_30x30 tumblr - Copia
——————————–
Iscriviti alla Newsletter (New)
Per iscriverti: Manda una mail con oggetto: Iscrizione Newsletter a: intoccabili.gli@gmail.com
Per disiscriverti: Manda una mail con oggetto: Lascio la Newsletter a: intoccabili.gli@gmail.com Grazie… 🙂
——————————–

Avviso ai naviganti: La pubblicità nel mio blog è inserita da WordPress: non ci guadagno nulla e non ho controllo su ciò che viene pubblicizzato. Rimango contrario a qualsiasi pubblicità imposta ai blog.

Annunci

One Comment to “Londra: “Calendario Di Meo 2015””

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: