L’ultimo bacio, l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano

10440731_848524871824363_7905607419660367171_nVentun anni dopo le prime rivelazioni del suo ex autista pentito Balduccio Di Maggio ai pm di Palermo, Salvatore Riina conferma – in tercettato mentre si confida con il suo compagno di ora d’aria – ciò che chiunque conosce le carte del processo ha sempre saputo: e cioè che nel 1987 il capo di Cosa Nostra incontrò per davvero il sette volte capo del governo Giulio Andreotti, allora ministro degli Esteri, in casa di Ignazio Salvo a Palermo. Lo incontrò, ma non lo baciò. Quante ironie, aggressioni e lapidazioni hanno subìto i pm Caselli, Lo Forte, Natoli e Scarpinato che ebbero l’ardire di istruire il processo al politico più potente della Prima Repubblica, indagando su quel summit e portandone le prove. Ironie che partivano da un dettaglio trascurabile, il bacio, anziché dalla sostanza: il colloquio col boss. Ora a quelle prove si aggiunge l’ammissione di Totò ‘u curtu, ma c’è da giurare che anche questa cadrà nel dimenticatoio: Andreotti è morto da padre della patria, omaggiato dal presidente della Repubblica Napolitano, del Consiglio Letta e del Senato Grasso (già capo della Procura di Palermo e poi di quella Nazionale Antimafia). Tutti sanno benissimo che fu per decenni un complice della mafia, ma questa verità non si poteva dire prima della confessione di Riina, e non si può dirla nemmeno ora. Sarebbe la miglior conferma del patto occulto fra Stato e mafia che aveva retto fino a metà degli anni 80 e che, dopo una breve crisi, fu rinnovato nel 1992‘93 con la trattativa aperta dai politici della Prima Repubblica tramite il Ros e chiusa dagli alfieri della Seconda tramite Dell’Utri (non a caso condannato per mafia e ora recluso a Parma a poche celle di distanza da Riina). Del resto, non c’era bisogno delle parole di Riina per provare la mafiosità di Andreotti: bastava la sentenza definitiva della Cassazione, che dava per assodati i suoi incontri con i boss Frank “Tre Dita” Coppola, Tano Badalamenti, Stefano Bontate (due volte, per discutere del delitto Mattarella, prima e dopo che venisse perpetrato), Nino e Ignazio Salvo e Andrea Maciaracina (fedelissimo di Riina). Il tutto fino alla primavera del 1980. Ora sappiamo, dalla viva voce dell’unico superstite insieme a Di Maggio, che ci fu pure il summit con Riina nell’87. Che avrebbe comportato per il Divo Giulio non la prescrizione, ma la condanna per mafia, se i giudici non l’avessero considerato insufficientemente provato. E dire che, anche senza la parola di Riina, il processo già pullulava di prove. Cosa raccontò Di Maggio il 16 aprile 1993 ai pm Giuseppe Pignatone e Franco Lo Voi? Di aver accompagnato Riina in casa Salvo all’incontro con Andreotti, iniziato con il bacio rituale del boss al ministro. Ciccio Ingrassia, grande attore siciliano, commentò: “Non so se i due si siano incontrati. Ma, se si sono incontrati, sicuramente il bacio c’è stato”. Dopo Di Maggio, di quell’incontro parlano altri 7 collaboratori di giustizia, tutti considerati attendibili: Enzo ed Emanuele Brusca, Calvaruso, Cannella, Cancemi, La Barbera e Camarda. Ma per il Tribunale diventano di colpo inattendibili. Tutti.

Di Enzo Brusca i giudici scrivono che “la sua collaborazione è stata preceduta da reticenze, menzogne e persino progetti, concordati col fratello Giovanni, di inquinamento di processi e falsi pentimenti”. Quali? Il Tribunale non lo dice. Per la semplice ragione che ha sbagliato persona: quelle condotte disdicevoli le ha commesse il fratello Giovanni. Non Enzo, che anzi aiutò gli inquirenti a smascherarle. Al processo succede ditutto. I pm dimostrano che il 20 settembre 1987, giorno dell’incontro con Riina, Andreotti è a Palermo per la Festa dell’Amicizia Dc. E, secondo unanimi testimonianze, scompare dall’hotel Villa Igiea dall’ora di pranzo fino quasi alle 18, quando parla alla Festa. Dunque ha tutto il tempo di raggiungere casa Salvo, parlare con Riina e tornare in albergo. Brutto affare, per il senatore. Gli serve un alibi. Così manda avanti ben tre testimoni a giurare di averlo visto ben prima delle 18, per riempire l’imbarazzante buco di 5-6 ore. Adeporre in suo favore si presentano un regista Rai, il segretario di un ex deputato Dc e l’amico giornalista Alberto Sensini (che risultava nelle liste della P2). Peccato che i tre si rivelino tutti farlocchi, o almeno “smemorati”. Il caso di Sensini è avvincente: l’allora inviato del Corriere della Sera giura di aver intervistato Andreotti quel pomeriggio poco prima del suo comizio alla Festa dell’Amicizia, che secondo la cronaca del “Popolo” si svolse alle 16. Dunque l’intervista fu intorno alle 15. Ma poi i pm scoprono che all’ultimo momento il comizio venne spostato, per il caldo, alle 18. E che Andreotti giunse stranamente in ritardo: dopo le 18,30. Dunque, stando al ricordo di Sensini, l’intervista era iniziata verso le 17,30. E prima, dalle 14 alle 17,30, Andreotti ebbe tutto il tempo per incontrare segretamente chi gli pareva. Fa fede la chiusura dell’intervista di Sensini, uscita l’indomani sul Corriere : “Così Andreotti Belzebù si congeda e va a parlare sotto i terribili tendoni del festival…”. Il buco temporale che Sensini doveva riempire si riapre. Come la risolvono, a questo punto, i giudici del Tribunale? Semplice: “Il Sensini ha espressamente affermato che si trattò di un ‘artificio letterario’”. Peccato che Sensini abbia dichiarato al processo che Andreotti, subito dopo l’intervista, si congedò da lui: l’artificio letterario non era la frase “Andreotti si congeda”, semmai la definizione di “Andreotti Belzebù”. In appello i giudici, che pure ebbero il coraggio di affermare la mafiosità del senatore a vita fino al 1980 ribaltando il verdetto di primo grado, preferirono sorvolare su queste anomalie a proposito del vertice con Riina, confermando per quell’episodio l’insufficienza di prove. Ora vedremo come la metteranno quanti sostengono che la storia non si fa nelle aule di tribunale. Giusta teoria, se avessero la decenza di aggiungervi un “soltanto”: la storia si fa anche nell’ora d’aria. Soprattutto se a parlare è il boss che incontrò Andreotti. Il bacio è un apostrofo rosa fra le parole “Stato” e “mafia”

Marco Travaglio

sul Fatto Quotidiano

28 agosto 2014

Fonti Tutti con Marco Travaglio – http://www.blitzquotidiano.it/

– Marco Travaglio –

L’ultimo bacio, Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano

Ferrara contro Travaglio: “Vattene affanculo”

I nipoti di Mubarak, l’editoriale di Marco Travaglio

Il Patto di San Vittore, l’editoriale di Marco Travaglio

L’Orsoni quotidiano di Marco Travaglio

Grillotalpa-2, l’editoriale di Marco Travaglio

Ma mi faccia il piacere, Marco Travaglio

“Rapina a Rai disarmata”, l’editoriale di Marco Travaglio

Il Grillotalpa, l’editoriale di Marco Travaglio

“Democrazia Renziana”, l’editoriale di Marco Travaglio sul fatto quotidiano

Presunzione di delinquenza, l’editoriale di Marco Travaglio

ExpoMazzette2015, l’editoriale di Marco Travaglio

L’audace colpo dei soliti noti, Marco Travaglio

Travaglio “A Mediaset? Se mi danno carta bianca ci vado domani”

“Lo Stato Carogna”, Marco Travaglio

Pina Picierno “Travaglio sa solo insultare e urlare”

‘A Carogna for president’ Marco Travaglio, Il Fatto Quotidiano del 5 Maggio 2014

Il fuorilegge, l’editoriale di Marco Travaglio “Berlusconi è illegale di per sé”

Renzémolo, l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano

Ma mi faccia il piacere di Marco Travaglio

Ladroni a 5 Stelle, l’editoriale di Marco Travaglio

#inquisitostaisereno, l’editoriale di Marco Travaglio

Liberi tutti, Marco Travaglio

“Quarantenni in quarantena”, l’editoriale di Marco Travaglio

Renzi-Grillo, la sfida e la sfiga, l’editoriale di Marco Travaglio

Il Merlo martire, l’editoriale di Marco Travaglio

Chi è senza manganello…. l’editoriale di Marco Travaglio

“Io so che tu sai che io so”, l’editoriale di Marco Travaglio

“Gli Apoti”. l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano

“Esperanza de violar” l’editoriale di Marco Travaglio

Avanti i prossimi, l’editoriale di Marco Travaglio

“Vent’anni di decadenza”, l’editoriale di Marco Travaglio

Alte discariche dello Stato (Marco Travaglio)

Scusaci, Renatino l’editoriale di Marco Travaglio

Santoro a Travaglio: “Non puoi sempre difendere Grillo”

Svendola, l’editoriale di Marco Travaglio

Il Cancellierato, l’editoriale di Marco Travaglio

Lui sa, l’editoriale di Marco Travaglio

La legge Grillo-Casaleggio, l’editoriale di Marco Travaglio

Amnesia e insulto, l’editoriale di Marco Travaglio

Travaglio a Liguori: “Somaro! Ignorante! Bugiardo! Parla di calcio, non di processi!”

Lacrime di Coccodrillo. l’editoriale di Marco Travaglio sulla crisi di governo

Esilarante interpretazione di Elio, Gomez e Travaglio che cantano l’inno di Forza Italia

Ma ci faccia il piacere, l’editoriale di Marco Travaglio

“Larghe scemenze”. l’editoriale di Marco Travaglio

1,3 balle al minuto, l’editoriale di Marco Travaglio sul videomessaggio di Berlusconi

Casellati (Pdl): “Travaglio? Non riesco a guardarlo, non mi fa digerire”

“Lato B.” Il finto-videomessaggio di Berlusconi

Ma mi faccia il piacere, l’editoriale di Marco Travaglio

Il Piano Napolinano, l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto quotidiano

Giuliano Amato, il dottor Sottile con più poltrone di Divani&Divani, Marco Travaglio

Banano, che fare?

Orgasmo da Rotterdam, l’editoriale di Marco Travaglio

Marco Travaglio-Daniela Santanchè, scontro in Tv: “Delinquente”, “Datele la camicia di forza”

Cavillo e Cavaliere, l’editoriale di Marco Travaglio

La Puttanata, l’editoriale di Marco Travaglio

Scontro tra Travaglio e Casellati

Sacrifici umani, l’editoriale di Marco Travaglio

Quirimediaset, l’editoriale di Marco Travaglio

“Rimozione forzata”, l’editoriale di Marco Travaglio

“Un mandante è per sempre”, l’editoriale di Marco Travaglio

Dalla Pannella alla brace, l’editoriale di Marco Travaglio

Democrazia previtizzata, l’editoriale di Marco Travaglio

Ma mi faccia il piacere, l’editoriale di Marco Travaglio

Liberiamo il Banano, l’editoriale di Marco Travaglio

L’arma segreta, l’editoriale di Marco Travaglio

“Sentenza pro veritate”, l’editoriale di Marco Travaglio

“Agibilità condominiale”, l’editoriale di Marco Travaglio

Piccoli Napolitani crescono, l’editoriale di Marco Travaglio

“Cavilli di razza ”, l’editoriale di Marco Travaglio

Ma mi faccia il piacere, l’editoriale di Marco Travaglio

“Il Gran Coniglio”, l’editoriale di Marco Travaglio

Rea Silvia, l’editoriale di Marco Travaglio

“Stupiti & stupidi”, l’editoriale di Marco Travaglio

“Prigionieri volontari”, l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano

“SuperEsposito Unchained”, l’editoriale di Marco Travaglio

Capotosti e Capomosci, l’editoriale di Marco Travaglio

Ma mi faccia il piacere, l’editoriale di Marco Travaglio

Metodo Tobia, l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano

“Graziami ma di baci saziami”, Marco Travaglio

Quirinal parto, l’editoriale di Marco Travaglio

“Berlusconi/Esposito, Csm: ciechi, sordi e muti”, Marco Travaglio

“Ma mi faccia il piacere”, l’editoriale di Marco Travaglio su incandidabilità Berlusconi

Il Pornale, l’editoriale di Marco Travaglio

“Malcostume, mezzo gaudio”, l’editoriale di Marco Travaglio

“Carriera di un evasore”, l’editoriale di Marco Travaglio

“Il marcio su Roma”, l’editoriale di Marco Travaglio

Travaglio: “Grazia Berlusconi. Non si può perché…”

Travaglio: “Berlusconi può finire in galera…”

Poveretti, come s’offrono, l’editoriale di Marco Travaglio

Tartuffe a Corte, l’editoriale di Marco Travaglio sulla sentenza Mediaset

C’è chi può e chi no, l’editoriale di Marco Travaglio

Letta dura senza paura, l’editoriale di Marco Travaglio

Laide intese, l’editoriale di Marco Travaglio

La congiura degli eguali, l’editoriale di Travaglio

LE 80 LEGGI DELLA VERGOGNA – di Marco Travaglio

“Caimano sì, pitonessa no”, l’editoriale di Travaglio sul caso Santanchè

Ma mi faccia il piaciere, l’editoriale di Travaglio

Il conte zio, l’editoriale di Travaglio sui Letta

“Dei delitti e del pene”, l’editoriale di Marco Travaglio contro Silvio Berlusconi

“Le larghe pene”, l’editoriale di Marco Travaglio sulla sentenza Ruby

Josefa Imu, l’editoriale di Travaglio su Josefa Idem

Il Tartufo Superiore, l’editoriale di Travaglio a difesa di Ingroia

Il Giro di Arcore, l’editoriale di Marco Travaglio

Veni, vidi, inciuci Travaglio analizza il voto non ha perso solo Grillo

“Il Grillo marino”, l’editoriale di Travaglio sui meriti e gli errori di Beppe Grillo

Veltroni: “La fortuna di Berlusoni è che c’è troppo antiberlusconismo”

“Nanucapione”, l’editoriale di Marco Travaglio contro Berlusconi e il Pd

Travaglio su Berlusconi: “Pacificarsi con un tipo così?”

Il Pistola Fumante, l’editoriale di Travaglio contro Berlusconi sul caso Ruby

L’editoriale di Travaglio su Berlusconi a Brescia

Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano: “Saliva & olio di ricino”

Scontro tra Fassina “Il principale responsabile è Grillo” e Travaglio “Le aspettative dell’elettorato del Pd sono state tradite”

Travaglio al Pd: “O siete coglioni o siete complici”

Travaglio contro Emma Bonino

Travaglio: “Battiato ha chiamato troie le troie”

Salvatore Borsellino tra Grasso e Travaglio sta dalla parte di Travaglio

Don Giorgio: “Travaglio spesse volte è in cattiva fede”

Travaglio sul “duello” con Grasso: ” non potrà essere in un altro talk diverso da Servizio Pubblico”

Don Giorgio vs Travaglio e la platea di Servizio Pubblico: “Una platea di coglioni, come lui!” e ancora: “Tutti miliardari questi giornalisti del cazzo!”

Travaglio: “Voto Ingroia e Grillo, gli unici che non hanno mai governato con B.”

Travaglio: “C’era una volta un politico piccolo piccolo che tutti davano per morto e regolarmente risorgeva dalle sue ceneri. Montanelli lo chiamava “Il Rieccolo”

Don Giorgio: “Santoro e Travaglio sono due pirla (giornalisticamente parlando)”

Milena Gabanelli di Report smentisce Travaglio Vespa e Giletti su Di Pietro

Facci: “La lettera di Berlusconi a Travaglio l’ho scritta io, Berlusconi leggeva una cosa di cui non capiva neanche il significato”

Scontro Ferrara-Travaglio su la7

Mentana risponde a Sallusti che aveva attaccato Ezio Mauro, Marco Travaglio e lo stesso Mentana

Travaglio: “Io tifo Irlanda, spero nell’eliminazione dell’Italia. Forza Germania”

Finocchiaro all’Ikea: Commenti di Travaglio e Freccero

Fate schifo(Marco Travaglio)

Sgarbi contro Travaglio: “Siamo un grande paese, con un pezzo di merda come te”

 


facebook_30x30twitter_30x30 youtube_30x30rss_30x30newsletter_30x30 tumblr - Copia

Avviso ai naviganti: La pubblicità nel mio blog è inserita da WordPress: non ci guadagno nulla e non ho controllo su ciò che viene pubblicizzato. Rimango contrario a qualsiasi pubblicità imposta ai blogger <

Annunci

13 Responses to “L’ultimo bacio, l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano”

  1. L’ha ribloggato su Per la Sinistra Unitae ha commentato:
    E quella sporca Democrazia Cristiana.

Trackbacks

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: