“Democrazia Renziana”, l’editoriale di Marco Travaglio sul fatto quotidiano

fatto-quotidiano5

Ma la pancia di una certa Italia lo vede e lo sente come il nuovo Berlusconi, cioè come il nuovo messia, il salvatore della patria, il populista ridens con il sole in tasca e 80 euro in mano, l’uomo solo al comando nelle cui braccia gettarsi e del cui verbo ubriacarsi, un po ’ per speranza un po ’ per disperazione. Un Berluschino un po ’ allergico ai controlli, alle critiche e ai sindacati, con qualche conflitto d’interessi fra gli amici, ma molto più giovane e meno ideologicamente connotato, più sbiadito e gelatinoso, dunque più trasversale. In una parola: democristiano. In senso tecnico, non deteriore. Bisogna infatti risalire agli anni 50, cioè all’apogeo del centrismo, per trovare un partito – la Dc – sopra il 40 %. Anche allora pochi dichiaravano di votarla, ma la votavano in tanti. Un partito-contenitore, un grande sughero galleggiante che ospitava a bordo tutto e il contrario di tutto, e lasciava fare a ciascuno i suoi comodi. Prospettiva molto più comoda e accattivante della quaresimale austerità berlingueriana, incautamente evocata da Grillo e Casaleggio nel paese del Carnevale perpetuo, anche quando non c’è nulla da ridere.

La Dc durò 40 anni, Berlusconi 20. Quanto durerà Renzi, o meglio l’innamoramento di una certa Italia per lui, dipende solo da lui (la distanza fra palazzo Venezia e piazzale Loreto è molto più breve di un tempo). Il suo governo – nato dall’accrocco fra un Pd al 25 %, un Centro montiano uscito dalle urne un anno fa col 9 e un Nuovo Centro Destra dato dai sondaggi al 6-7 – ora è un monocolore pidino, anzi renzino, che s’è mangiato gli alleati. Ma che dovrà seguitare a fare i conti con un Parlamento che non rappresenta più le vere forze in campo e con una maggioranza votata domenica da appena il 27 % degli elettori aventi diritto al voto. I partner ufficiali Alfano, Casini e Monti, per non estinguersi alle prossime urne, dovranno marcare le distanze dalle cosiddette “riforme”, Italicum e nuovo Senato, peraltro pessime. Così paradossalmente il Pd al massimo storico dovrà chiedere aiuto a un Berlusconi al minimo storico. E sappiamo bene che il soccorso azzurro non è mai gratis. In questa crepa potrebbe infilarsi il M 5 S, se si decidesse a una seria autocritica dopo la batosta (prendersela con i pensionati allergici al cambiamento fa ridere). Non per ammorbidire la sua opposizione intransigente, che è ciò che chiedono i suoi 5, 8 milioni di elettori rimasti. Ma per cambiare linguaggio e strategia. Il linguaggio che paga non è quello provocatorio e paradossale di Grillo (che, tradotto sui titoli di tg e giornali, diventa serio e truculento, spaventa la gente e non basta un’ospitata a Porta a Porta per cancellarne gli effetti), ma quello dei suoi parlamentari migliori (più concreto sulle cose fatte e quelle da fare), e anche quello autoironico del video di ieri. Quanto alla strategia, il “mandiamoli tutti a casa” funzionava contro D’Alema, Bersani, Letta jr. e gli altri brontosauri. Contro Renzi no, non basta. Renzi va sfidato e incalzato sui fatti. Anche perché domenica ha risolto tutti i suoi problemi, non certo quelli degli italiani. Quando, intervistato dal Fatto il 2 gennaio, invitò i 5 Stelle al tavolo delle riforme, offrendo la rinuncia ai rimborsi elettorali, fu demenziale rispondere picche e non andare a vedere le carte, magari per smascherare l’eventuale bluff. E quando il mitico “popolo della Rete” costrinse Grillo ad accettare l’incontro in streaming con lui, non si aspettava certo il rifiuto totale di ascoltare e di rispondere, anche duramente, ma sul merito.

Ciò detto, meno male che M 5 S c’è: altrimenti anche noi, come la Francia e la Gran Bretagna, avremmo gli antieuropei xenofobi e lepenisti oltre il 20 %. Pur nella cocente sconfitta, i 5 Stelle si attestano su un 21 % di voti d’opinione e non di scambio (non governando da nessuna parte, non hanno soldi né favori da elargire e promettere), che potrà aumentare se riusciranno a entrare in partita, imponendo alcune battaglie giuste a un Pd più che mai in cerca di sponde: com’è già avvenuto nei voti contro B. e Genovese, e contro la responsabilità civile diretta dei magistrati. Se aiutassero Renzi a lasciar perdere riforme assurde come l’Italicum e il Senato delle autonomie e a farne di migliori, sarebbe meglio per loro, per il Pd e per tutti. Questo in fondo chiedono gli elettori: una maggioranza purchessia, che però risolva i problemi. Ed esca finalmente dalla campagna elettorale. Al momento vale il detto di Kierkegaard: “La nave è in mano al cuoco di bordo e ciò che trasmette il megafono del comandante non è più la rotta, ma che cosa mangeremo domani”.

Ps. Alcuni presunti “colleghi”, abituati al giornalismo embeddede specializzati nello sport nazionale di osannare i governi e di massacrare le opposizioni, credono che chi prende più voti abbia sempre ragione (la ragione del più forte, quella del duce). Infatti per vent’anni hanno tenuto il sacco a B. e ai suoi finti oppositori. E ora pensano di aver vinto le elezioni, che noi avremmo perso. Spiace deluderli, ma noi del Fatto siamo giornalisti, non politici. Possiamo permetterci il lusso di votare per chi ci pare e poi di esercitare il nostro spirito critico nei confronti di tutti, senza confondere il consenso con la ragione e senza farci prendere dall ’ horror vacui se ci troviamo in minoranza. Non siamo più bravi, solo più fortunati: non abbiamo nulla da guadagnare dalla vittoria di questo né da perdere dalla sconfitta di quello, perché non abbiamo padroni. E neppure editori costretti a mendicare favori e fondi pubblici dal governo di turno per salvarsi dalla bancarotta. Infatti, diversamente da costoro, non abbiamo mai preteso di insegnare ai nostri lettori per chi devono votare. Noi perderemo le elezioni quando ci candideremo. Cioè mai.

Marco Travaglio

il fatto quotidiano 28 maggio 2014

– Marco Travaglio –

“Democrazia Renziana”, l’editoriale di Marco Travaglio sul fatto quotidiano

Presunzione di delinquenza, l’editoriale di Marco Travaglio

ExpoMazzette2015, l’editoriale di Marco Travaglio

L’audace colpo dei soliti noti, Marco Travaglio

Travaglio “A Mediaset? Se mi danno carta bianca ci vado domani”

“Lo Stato Carogna”, Marco Travaglio

Pina Picierno “Travaglio sa solo insultare e urlare”

‘A Carogna for president’ Marco Travaglio, Il Fatto Quotidiano del 5 Maggio 2014

Il fuorilegge, l’editoriale di Marco Travaglio “Berlusconi è illegale di per sé”

Renzémolo, l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano

Ma mi faccia il piacere di Marco Travaglio

Ladroni a 5 Stelle, l’editoriale di Marco Travaglio

#inquisitostaisereno, l’editoriale di Marco Travaglio

Liberi tutti, Marco Travaglio

“Quarantenni in quarantena”, l’editoriale di Marco Travaglio

Renzi-Grillo, la sfida e la sfiga, l’editoriale di Marco Travaglio

Il Merlo martire, l’editoriale di Marco Travaglio

Chi è senza manganello…. l’editoriale di Marco Travaglio

“Io so che tu sai che io so”, l’editoriale di Marco Travaglio

“Gli Apoti”. l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano

“Esperanza de violar” l’editoriale di Marco Travaglio

Avanti i prossimi, l’editoriale di Marco Travaglio

“Vent’anni di decadenza”, l’editoriale di Marco Travaglio

Alte discariche dello Stato (Marco Travaglio)

Scusaci, Renatino l’editoriale di Marco Travaglio

Santoro a Travaglio: “Non puoi sempre difendere Grillo”

Svendola, l’editoriale di Marco Travaglio

Il Cancellierato, l’editoriale di Marco Travaglio

Lui sa, l’editoriale di Marco Travaglio

La legge Grillo-Casaleggio, l’editoriale di Marco Travaglio

Amnesia e insulto, l’editoriale di Marco Travaglio

Travaglio a Liguori: “Somaro! Ignorante! Bugiardo! Parla di calcio, non di processi!”

Lacrime di Coccodrillo. l’editoriale di Marco Travaglio sulla crisi di governo

Esilarante interpretazione di Elio, Gomez e Travaglio che cantano l’inno di Forza Italia

Ma ci faccia il piacere, l’editoriale di Marco Travaglio

“Larghe scemenze”. l’editoriale di Marco Travaglio

1,3 balle al minuto, l’editoriale di Marco Travaglio sul videomessaggio di Berlusconi

Casellati (Pdl): “Travaglio? Non riesco a guardarlo, non mi fa digerire”

“Lato B.” Il finto-videomessaggio di Berlusconi

Ma mi faccia il piacere, l’editoriale di Marco Travaglio

Il Piano Napolinano, l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto quotidiano

Giuliano Amato, il dottor Sottile con più poltrone di Divani&Divani, Marco Travaglio

Banano, che fare?

Orgasmo da Rotterdam, l’editoriale di Marco Travaglio

Marco Travaglio-Daniela Santanchè, scontro in Tv: “Delinquente”, “Datele la camicia di forza”

Cavillo e Cavaliere, l’editoriale di Marco Travaglio

La Puttanata, l’editoriale di Marco Travaglio

Scontro tra Travaglio e Casellati

Sacrifici umani, l’editoriale di Marco Travaglio

Quirimediaset, l’editoriale di Marco Travaglio

“Rimozione forzata”, l’editoriale di Marco Travaglio

“Un mandante è per sempre”, l’editoriale di Marco Travaglio

Dalla Pannella alla brace, l’editoriale di Marco Travaglio

Democrazia previtizzata, l’editoriale di Marco Travaglio

Ma mi faccia il piacere, l’editoriale di Marco Travaglio

Liberiamo il Banano, l’editoriale di Marco Travaglio

L’arma segreta, l’editoriale di Marco Travaglio

“Sentenza pro veritate”, l’editoriale di Marco Travaglio

“Agibilità condominiale”, l’editoriale di Marco Travaglio

Piccoli Napolitani crescono, l’editoriale di Marco Travaglio

“Cavilli di razza ”, l’editoriale di Marco Travaglio

Ma mi faccia il piacere, l’editoriale di Marco Travaglio

“Il Gran Coniglio”, l’editoriale di Marco Travaglio

Rea Silvia, l’editoriale di Marco Travaglio

“Stupiti & stupidi”, l’editoriale di Marco Travaglio

“Prigionieri volontari”, l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano

“SuperEsposito Unchained”, l’editoriale di Marco Travaglio

Capotosti e Capomosci, l’editoriale di Marco Travaglio

Ma mi faccia il piacere, l’editoriale di Marco Travaglio

Metodo Tobia, l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano

“Graziami ma di baci saziami”, Marco Travaglio

Quirinal parto, l’editoriale di Marco Travaglio

“Berlusconi/Esposito, Csm: ciechi, sordi e muti”, Marco Travaglio

“Ma mi faccia il piacere”, l’editoriale di Marco Travaglio su incandidabilità Berlusconi

Il Pornale, l’editoriale di Marco Travaglio

“Malcostume, mezzo gaudio”, l’editoriale di Marco Travaglio

“Carriera di un evasore”, l’editoriale di Marco Travaglio

“Il marcio su Roma”, l’editoriale di Marco Travaglio

Travaglio: “Grazia Berlusconi. Non si può perché…”

Travaglio: “Berlusconi può finire in galera…”

Poveretti, come s’offrono, l’editoriale di Marco Travaglio

Tartuffe a Corte, l’editoriale di Marco Travaglio sulla sentenza Mediaset

C’è chi può e chi no, l’editoriale di Marco Travaglio

Letta dura senza paura, l’editoriale di Marco Travaglio

Laide intese, l’editoriale di Marco Travaglio

La congiura degli eguali, l’editoriale di Travaglio

LE 80 LEGGI DELLA VERGOGNA – di Marco Travaglio

“Caimano sì, pitonessa no”, l’editoriale di Travaglio sul caso Santanchè

Ma mi faccia il piaciere, l’editoriale di Travaglio

Il conte zio, l’editoriale di Travaglio sui Letta

“Dei delitti e del pene”, l’editoriale di Marco Travaglio contro Silvio Berlusconi

“Le larghe pene”, l’editoriale di Marco Travaglio sulla sentenza Ruby

Josefa Imu, l’editoriale di Travaglio su Josefa Idem

Il Tartufo Superiore, l’editoriale di Travaglio a difesa di Ingroia

Il Giro di Arcore, l’editoriale di Marco Travaglio

Veni, vidi, inciuci Travaglio analizza il voto non ha perso solo Grillo

“Il Grillo marino”, l’editoriale di Travaglio sui meriti e gli errori di Beppe Grillo

Veltroni: “La fortuna di Berlusoni è che c’è troppo antiberlusconismo”

“Nanucapione”, l’editoriale di Marco Travaglio contro Berlusconi e il Pd

Travaglio su Berlusconi: “Pacificarsi con un tipo così?”

Il Pistola Fumante, l’editoriale di Travaglio contro Berlusconi sul caso Ruby

L’editoriale di Travaglio su Berlusconi a Brescia

Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano: “Saliva & olio di ricino”

Scontro tra Fassina “Il principale responsabile è Grillo” e Travaglio “Le aspettative dell’elettorato del Pd sono state tradite”

Travaglio al Pd: “O siete coglioni o siete complici”

Travaglio contro Emma Bonino

Travaglio: “Battiato ha chiamato troie le troie”

Salvatore Borsellino tra Grasso e Travaglio sta dalla parte di Travaglio

Don Giorgio: “Travaglio spesse volte è in cattiva fede”

Travaglio sul “duello” con Grasso: ” non potrà essere in un altro talk diverso da Servizio Pubblico”

Don Giorgio vs Travaglio e la platea di Servizio Pubblico: “Una platea di coglioni, come lui!” e ancora: “Tutti miliardari questi giornalisti del cazzo!”

Travaglio: “Voto Ingroia e Grillo, gli unici che non hanno mai governato con B.”

Travaglio: “C’era una volta un politico piccolo piccolo che tutti davano per morto e regolarmente risorgeva dalle sue ceneri. Montanelli lo chiamava “Il Rieccolo”

Don Giorgio: “Santoro e Travaglio sono due pirla (giornalisticamente parlando)”

Milena Gabanelli di Report smentisce Travaglio Vespa e Giletti su Di Pietro

Facci: “La lettera di Berlusconi a Travaglio l’ho scritta io, Berlusconi leggeva una cosa di cui non capiva neanche il significato”

Scontro Ferrara-Travaglio su la7

Mentana risponde a Sallusti che aveva attaccato Ezio Mauro, Marco Travaglio e lo stesso Mentana

Travaglio: “Io tifo Irlanda, spero nell’eliminazione dell’Italia. Forza Germania”

Finocchiaro all’Ikea: Commenti di Travaglio e Freccero

Fate schifo(Marco Travaglio)

Sgarbi contro Travaglio: “Siamo un grande paese, con un pezzo di merda come te”

 


facebook_30x30twitter_30x30 youtube_30x30rss_30x30newsletter_30x30 tumblr - Copia

Avviso ai naviganti: La pubblicità nel mio blog è inserita da WordPress: non ci guadagno nulla e non ho controllo su ciò che viene pubblicizzato. Rimango contrario a qualsiasi pubblicità imposta ai blogger
Annunci

23 Trackbacks to ““Democrazia Renziana”, l’editoriale di Marco Travaglio sul fatto quotidiano”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: