L’audace colpo dei soliti noti, Marco Travaglio

10291696_791520914191426_112844420241933661_n
A dispetto dei disfattisti, dei rosiconi e dei gufi sempre pronti a denigrare l’Italia, la doppia retata di ieri ha portato un sacco di buone notizie.
1) Il Paese è più unito che mai, da Milano a Reggio Calabria, attorno all’unica industria che ancora tira: il crimine, più o meno organizzato.
2) Con buona pace delle malelingue, sempre pronte a denunciare i gravi ritardi di Expo 2015, le tangenti e gli appalti truccati sono addirittura in anticipo, quindi tutto bene: prima o poi si faranno anche i lavori, anche perché chi ha sganciato le mazzette ha il sacrosanto diritto di essere pagato.
3) Non era vero, come sostenevano i giudici calunniatori, che Scajola fosse innocente: semplicemente, era sbagliato il reato.
Mentre tutti si lasciavano distrarre da quei quattro spicci pagati a sua insaputa per la casa con vista Colosseo, lui faceva scappare all’estero un amico condannato per ’ndrangheta. E pensare che B., appena saputo dell’assoluzione, ci era rimasto male e l’aveva levato dalle liste di Forza Italia, in quanto incensurato e dunque impresentabile, per non perdere voti. Neppure Alfano l’aveva voluto nel Ncd, il che è tutto dire. Ora che Sciaboletta è tornato al gabbio, al prossimo giro lo ricandidano di sicuro. A meno che non si faccia di nuovo assolvere, si capisce, rovinandosi irrimediabilmente l’immagine: ci mancherebbe pure che fosse un’altra volta innocente.

A tante buone notizie fa purtroppo da contrappunto una nota stonata: l’endemica mancanza di ricambio nelle classi tangentizie. La solita gerontocrazia non si rassegna alla pensione e continua a monopolizzare il mercato della mazzetta, tarpando le ali a tanti giovani che non vedono l’ora di farsi valere, con tecniche ben più avanzate e innovative. Possibile che, all’alba del 2014, sia ancora tutto in mano agli attempati Scajola, Matacena, Berlusconi, Greganti, Previti, Gianni Letta, Frigerio, Guarischi, Bisignani, Danesi e Grillo (nel senso di Luigi), per citare soltanto alcuni dei nomi usciti dalle carte delle due retate? Questa puzza di déjà vu, questo sferragliare di cateteri, dentiere e cinti erniari, questo eterno ritorno dei revenants non fa bene all’immagine della nuova Italia. Più che la rottamazione e la rivoluzione, viene in mente il triste Vent’anni dopo di Alexandre Dumas, con D’Artagnan e i tre moschettieri invecchiati, imbolsiti e divisi alle prese con Mazarino al posto di Richelieu e di Luigi XIV al posto di Luigi XIII. O, più credibilmente, L’audace colpo dei soliti ignoti, sequel del mitico film di Monicelli, con la banda del buco che torna a colpire con gli stessi, catastrofici risultati.

Scajola era finito in galera per la prima volta nel 1983, alla tenera età di 35 anni, per lo scandalo del casinò di Sanremo, e anche allora c’entrava la mafia. Ma nemmeno allora era riuscito a farsi condannare: e ora indovina chi viene a Matacena? Sempre lui, a 66 anni. Attorno a Expo 2015 si udiva un gran fragore di ganasce fin dal primo giorno, quando Formigoni garantì “massima trasparenza” e piazzò a vigilare sugli appalti il generale Mori e il capitano De Donno, quelli della trattativa con Vito Ciancimino. L’arrivo di Lupi (Compagnia delle opere) e Poletti (coop rosse) nel governo Renzi, ministri rispettivamente delle Infrastrutture e del Lavoro, aiutò a comprendere meglio il tutto. Massimo Guarischi è nato appena nel 1963, ma è un enfant prodige: conobbe per la prima volta le patrie galere già nel 2000. Poi ci tornò nel 2013. Ora non c’è il due senza il tre.

Previti doveva finire dentro nel 1999, ma lo salvò il centrosinistra. Però fu solo un rinvio: nel 2006 raggiunse Rebibbia per scontare 7 anni e mezzo per corruzione giudiziaria, ma uscì tre giorni dopo grazie al solito centrosinistra (indulto). Gianstefano Frigerio lo fece arrestare Di Pietro nel ’92 e poi nel ’93. Prendeva tangenti su tutto, anche da Paolo Berlusconi, infatti scriveva sul Giornale. Fu condannato a 6 anni e la sentenza lo colse nel 2001 alla Camera, dov’era stato appena eletto deputato con FI, candidato in Puglia e col nome cambiato (“Carlo”) per non dare troppo nell’occhio. Poi ottenne un ricalcolo della pena e i servizi sociali, da scontare a Montecitorio. Ultimamente lavorava al Ppe, a Bruxelles, e guidava un centro studi sull’arte del furto con scasso, dedicato all’incolpevole Tommaso Moro.Ieri è tornato nel suo habitat naturale, così come Primo Greganti. Il faccendiere del Pci-Pds torinese (il partito dei Fassino e dei Chiamparino) fu arrestato la prima volta nel ’93: era già molto trasversale, pappa e ciccia col faccendiere Fininvest Brancher. Tre volte pregiudicato, dopo i servizi sociali ottenne la tessera del Pd. E rieccolo attivissimo alla festa nazionale del Pd nel 2010 e nell’attuale campagna elettorale per il Chiampa governatore del Piemonte. Bisignani e Danesi furono beccati la prima volta nel 1981, nelle liste della P2, assieme a B. e a tanti altri. Bisi tornò nei guai nel ’93 per la maxi-tangente Enimont, Danesi nel ’96 per i malaffari delle Ffss, ri-Bisi nel 2012 per la P4. Gianni Letta lo scoprì Gherardo Colombo nel 1982 con in tasca un miliardo di fondi neri dell’Iri in tasca e lo riscoprì Di Pietro nel ’92 con in bocca una mazzetta al socialdemocratico Cariglia. Luigi Grillo fu indagato nel ’94, poi assolto, poi reindagato nel 2009 con gli amici Fazio & furbetti del quartierino, poi riassolto: chissà se stavolta ce la fa. Enrico Maltauro, costruttore veneto, patteggiò per tangenti nel ’94, poi tornò in pista. Come tutti, come sempre. Ha ragione Napolitano: è giunta l’ora di sanare una volta per tutte la piaga del sovraffollamento delle carceri.

Marco Travaglio

Da Il Fatto Quotidiano del 9 Maggio 2014

[Fonti Tutti con Marco Travaglio – Blitzquotidiano ]

– Marco Travaglio –

L’audace colpo dei soliti noti, Marco Travaglio

Travaglio “A Mediaset? Se mi danno carta bianca ci vado domani”

“Lo Stato Carogna”, Marco Travaglio

Pina Picierno “Travaglio sa solo insultare e urlare”

‘A Carogna for president’ Marco Travaglio, Il Fatto Quotidiano del 5 Maggio 2014

Il fuorilegge, l’editoriale di Marco Travaglio “Berlusconi è illegale di per sé”

Renzémolo, l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano

Ma mi faccia il piacere di Marco Travaglio

Ladroni a 5 Stelle, l’editoriale di Marco Travaglio

#inquisitostaisereno, l’editoriale di Marco Travaglio

Liberi tutti, Marco Travaglio

“Quarantenni in quarantena”, l’editoriale di Marco Travaglio

Renzi-Grillo, la sfida e la sfiga, l’editoriale di Marco Travaglio

Il Merlo martire, l’editoriale di Marco Travaglio

Chi è senza manganello…. l’editoriale di Marco Travaglio

“Io so che tu sai che io so”, l’editoriale di Marco Travaglio

“Gli Apoti”. l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano

“Esperanza de violar” l’editoriale di Marco Travaglio

Avanti i prossimi, l’editoriale di Marco Travaglio

“Vent’anni di decadenza”, l’editoriale di Marco Travaglio

Alte discariche dello Stato (Marco Travaglio)

Scusaci, Renatino l’editoriale di Marco Travaglio

Santoro a Travaglio: “Non puoi sempre difendere Grillo”

Svendola, l’editoriale di Marco Travaglio

Il Cancellierato, l’editoriale di Marco Travaglio

Lui sa, l’editoriale di Marco Travaglio

La legge Grillo-Casaleggio, l’editoriale di Marco Travaglio

Amnesia e insulto, l’editoriale di Marco Travaglio

Travaglio a Liguori: “Somaro! Ignorante! Bugiardo! Parla di calcio, non di processi!”

Lacrime di Coccodrillo. l’editoriale di Marco Travaglio sulla crisi di governo

Esilarante interpretazione di Elio, Gomez e Travaglio che cantano l’inno di Forza Italia

Ma ci faccia il piacere, l’editoriale di Marco Travaglio

“Larghe scemenze”. l’editoriale di Marco Travaglio

1,3 balle al minuto, l’editoriale di Marco Travaglio sul videomessaggio di Berlusconi

Casellati (Pdl): “Travaglio? Non riesco a guardarlo, non mi fa digerire”

“Lato B.” Il finto-videomessaggio di Berlusconi

Ma mi faccia il piacere, l’editoriale di Marco Travaglio

Il Piano Napolinano, l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto quotidiano

Giuliano Amato, il dottor Sottile con più poltrone di Divani&Divani, Marco Travaglio

Banano, che fare?

Orgasmo da Rotterdam, l’editoriale di Marco Travaglio

Marco Travaglio-Daniela Santanchè, scontro in Tv: “Delinquente”, “Datele la camicia di forza”

Cavillo e Cavaliere, l’editoriale di Marco Travaglio

La Puttanata, l’editoriale di Marco Travaglio

Scontro tra Travaglio e Casellati

Sacrifici umani, l’editoriale di Marco Travaglio

Quirimediaset, l’editoriale di Marco Travaglio

“Rimozione forzata”, l’editoriale di Marco Travaglio

“Un mandante è per sempre”, l’editoriale di Marco Travaglio

Dalla Pannella alla brace, l’editoriale di Marco Travaglio

Democrazia previtizzata, l’editoriale di Marco Travaglio

Ma mi faccia il piacere, l’editoriale di Marco Travaglio

Liberiamo il Banano, l’editoriale di Marco Travaglio

L’arma segreta, l’editoriale di Marco Travaglio

“Sentenza pro veritate”, l’editoriale di Marco Travaglio

“Agibilità condominiale”, l’editoriale di Marco Travaglio

Piccoli Napolitani crescono, l’editoriale di Marco Travaglio

“Cavilli di razza ”, l’editoriale di Marco Travaglio

Ma mi faccia il piacere, l’editoriale di Marco Travaglio

“Il Gran Coniglio”, l’editoriale di Marco Travaglio

Rea Silvia, l’editoriale di Marco Travaglio

“Stupiti & stupidi”, l’editoriale di Marco Travaglio

“Prigionieri volontari”, l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano

“SuperEsposito Unchained”, l’editoriale di Marco Travaglio

Capotosti e Capomosci, l’editoriale di Marco Travaglio

Ma mi faccia il piacere, l’editoriale di Marco Travaglio

Metodo Tobia, l’editoriale di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano

“Graziami ma di baci saziami”, Marco Travaglio

Quirinal parto, l’editoriale di Marco Travaglio

“Berlusconi/Esposito, Csm: ciechi, sordi e muti”, Marco Travaglio

“Ma mi faccia il piacere”, l’editoriale di Marco Travaglio su incandidabilità Berlusconi

Il Pornale, l’editoriale di Marco Travaglio

“Malcostume, mezzo gaudio”, l’editoriale di Marco Travaglio

“Carriera di un evasore”, l’editoriale di Marco Travaglio

“Il marcio su Roma”, l’editoriale di Marco Travaglio

Travaglio: “Grazia Berlusconi. Non si può perché…”

Travaglio: “Berlusconi può finire in galera…”

Poveretti, come s’offrono, l’editoriale di Marco Travaglio

Tartuffe a Corte, l’editoriale di Marco Travaglio sulla sentenza Mediaset

C’è chi può e chi no, l’editoriale di Marco Travaglio

Letta dura senza paura, l’editoriale di Marco Travaglio

Laide intese, l’editoriale di Marco Travaglio

La congiura degli eguali, l’editoriale di Travaglio

LE 80 LEGGI DELLA VERGOGNA – di Marco Travaglio

“Caimano sì, pitonessa no”, l’editoriale di Travaglio sul caso Santanchè

Ma mi faccia il piaciere, l’editoriale di Travaglio

Il conte zio, l’editoriale di Travaglio sui Letta

“Dei delitti e del pene”, l’editoriale di Marco Travaglio contro Silvio Berlusconi

“Le larghe pene”, l’editoriale di Marco Travaglio sulla sentenza Ruby

Josefa Imu, l’editoriale di Travaglio su Josefa Idem

Il Tartufo Superiore, l’editoriale di Travaglio a difesa di Ingroia

Il Giro di Arcore, l’editoriale di Marco Travaglio

Veni, vidi, inciuci Travaglio analizza il voto non ha perso solo Grillo

“Il Grillo marino”, l’editoriale di Travaglio sui meriti e gli errori di Beppe Grillo

Veltroni: “La fortuna di Berlusoni è che c’è troppo antiberlusconismo”

“Nanucapione”, l’editoriale di Marco Travaglio contro Berlusconi e il Pd

Travaglio su Berlusconi: “Pacificarsi con un tipo così?”

Il Pistola Fumante, l’editoriale di Travaglio contro Berlusconi sul caso Ruby

L’editoriale di Travaglio su Berlusconi a Brescia

Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano: “Saliva & olio di ricino”

Scontro tra Fassina “Il principale responsabile è Grillo” e Travaglio “Le aspettative dell’elettorato del Pd sono state tradite”

Travaglio al Pd: “O siete coglioni o siete complici”

Travaglio contro Emma Bonino

Travaglio: “Battiato ha chiamato troie le troie”

Salvatore Borsellino tra Grasso e Travaglio sta dalla parte di Travaglio

Don Giorgio: “Travaglio spesse volte è in cattiva fede”

Travaglio sul “duello” con Grasso: ” non potrà essere in un altro talk diverso da Servizio Pubblico”

Don Giorgio vs Travaglio e la platea di Servizio Pubblico: “Una platea di coglioni, come lui!” e ancora: “Tutti miliardari questi giornalisti del cazzo!”

Travaglio: “Voto Ingroia e Grillo, gli unici che non hanno mai governato con B.”

Travaglio: “C’era una volta un politico piccolo piccolo che tutti davano per morto e regolarmente risorgeva dalle sue ceneri. Montanelli lo chiamava “Il Rieccolo”

Don Giorgio: “Santoro e Travaglio sono due pirla (giornalisticamente parlando)”

Milena Gabanelli di Report smentisce Travaglio Vespa e Giletti su Di Pietro

Facci: “La lettera di Berlusconi a Travaglio l’ho scritta io, Berlusconi leggeva una cosa di cui non capiva neanche il significato”

Scontro Ferrara-Travaglio su la7

Mentana risponde a Sallusti che aveva attaccato Ezio Mauro, Marco Travaglio e lo stesso Mentana

Travaglio: “Io tifo Irlanda, spero nell’eliminazione dell’Italia. Forza Germania”

Finocchiaro all’Ikea: Commenti di Travaglio e Freccero

Fate schifo(Marco Travaglio)

Sgarbi contro Travaglio: “Siamo un grande paese, con un pezzo di merda come te”

 


facebook_30x30twitter_30x30 youtube_30x30rss_30x30newsletter_30x30 tumblr - Copia

Avviso ai naviganti: La pubblicità nel mio blog è inserita da WordPress: non ci guadagno nulla e non ho controllo su ciò che viene pubblicizzato. Rimango contrario a qualsiasi pubblicità imposta ai blogger
Annunci

25 Trackbacks to “L’audace colpo dei soliti noti, Marco Travaglio”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: