Il Time e le 10 peggiori gaffe di Silvio Berlusconi

Top 10 Worst Silvio Berlusconi Gaffes - TIME
Il Time lo scorso 8 dicembre pubblica quelle che secondo loro sono le 10 peggiori gaffe di Silvio Berlusconi celebrando così la sua ridiscesa in campo, eccole:

  1. Last night I had a queue outside the door of the bedroom … There were 11 … I only did eight because I could not do it anymore.”
    Magistrates investigating entrepreneur Gianpaolo Tarantini for paying women to sleep with Berlusconi in 2007 and 2008, released wiretap conversations with the Italian Prime Minister, who boasts sleeping with eight women and laments his political obligations to Gordon Brown, Nicolas Sarkozy and Angela Merkel as interfering with his active “social life.”
    “Ce n’erano 11… me ne sono fatte solo 8 …” – E’ la notte del primo dell’anno 2009.
    Il capo del governo, al telefono con Gianpaolo Tarantini, imprenditore barese, indagato  nel fascicolo d’inchiesta sul presunto giro di escort portate a Palazzo Grazioli, racconta la sua serata di Capodanno appena conclusa. Questa l’intercettazione pubblicata dal Corriere della Sera: «Ieri sera avevo la fila fuori dalla porta della camera… erano in undici… io me ne son fatte solo otto perché non potevo fare di più… non si può arrivare a tutto…» (1 gennaio 2009).
  2. It’s better to be fond of beautiful girls than to be gay.”Reports of Berlusconi’s involvement with 17-year-old belly dancer Karima El Mahroug, also known as Ruby, broke in late 2010. The teen told newspapers she received near $10,000 for attending Berlusconi’s parties, which she later called “bunga bunga” parties. The term refers to sexually charged parties the Prime Minister supposedly hosted in Milan, but El Mahroug denied having sex with the Prime Minister. Berlusconi refuted calls for his resignation and denied any wrongdoing for his fondness of females — and managed to inject an offensive remark.
    “Meglio belle ragazze, che gay – «Sono fatto così da sempre: qualche volta mi capita di guardare in faccia una bella ragazza, ma è meglio essere appassionato di belle ragazze che gay». Nei giorni in cui esplode il caso Ruby, Silvio Berlusconi minimizza così, dal Salone del ciclo e motociclo alla Fiera di Milano, la vicenda che lo vede a processo per prostituzione minorile e concussione (2 novembre 2010).
  3. Of course, their current lodgings are a bit temporary. But they should see it like a weekend of camping.”Berlusconi sparked controversy in 2009 when he quipped to a German television station that the 17,000 left homeless by the L’Aquila earthquake should view it as a camping trip. The earthquake was the worst for Italy in three decades and left more than 200 dead. He also later told a reporter that survivors “lacked nothing” in terms of support and aid.
    “Una settimana di campeggio” – «Certo, si tratta di alloggi temporanei. Ma lo dovrebbero prendere come un weekend di campeggio». Questo il commento alla televisione tedesca N-TV dell’allora Presidente del consiglio sui 28.000 senza tetto del terremoto de L’Aquila, costretti al campo d’accoglienza per gli sfollati (8 aprile 2009)
  4. Italy is now a great country to invest in … Today we have fewer communists, and those who are still there deny having been one. Another reason to invest in Italy is that we have beautiful secretaries.”During a visit to the New York Stock Exchange in 2003, Berlusconi touted the benefits of doing business in Italy for America’s red-blooded capitalists: fewer commies and more comely, subservient women. The Italian leader’s penchant for peppering his speech with sexist comments and references to his own virility ultimately landed him in hot water with the missus. In 2007, he told one of his Cabinet members — a former model — that “If I weren’t already married, I would marry you right now.” After his wife demanded a public apology for the “humiliation,” Berlusconi obliged in an open letter in which he declared, “Your dignity should not be an issue: I will guard it like a precious material in my heart even when thoughtless jokes come out of my mouth.”
    “Investite da noi, ci sono tante belle ragazze” – «L’Italia è un paese straordinario per fare investimenti. Oggi ci sono molti meno comunisti in Italia: sono al 16 per cento anche se negano di esserlo mai stati. Un altro motivo per investire in Italia è che abbiamo bellissime segretarie ». Berlusconi mostra tutta la sua verve quando a Wall Street, sede della Borsa di New York, davanti a una platea scelta di imprenditori italiani ed americani, prova a convincere gli ospiti a investire i loro soldi nel nostro Paese (24 settembre 2003).
  5. “What’s his name? Some tanned guy. Ah, Barack Obama! You won’t believe it, but the two of them sunbathe together because the wife is also tanned.”After meeting with President Barack Obama and First Lady Michelle at the G-20 summit in 2009, Berlusconi returned to Italy bearing greetings from the President of the United States. Unfortunately, he also couldn’t resist trotting out his favorite inappropriate joke, referring to both Barack and Michelle’s (or as Berlusconi would say, “the wife’s”) complexions as a couple of great tans. The Italian Prime Minister had used the tanned line once before, just days after Obama’s election in 2008 — calling the then Senator “young, handsome and suntanned.” Funny, nobody laughed the first time either.
    Obama, è uno abbronzato e vi saluta –  «Vi porto i saluti di uno che si chiama… uno abbronzato… Ah, Barack Obama». E poi «voi non ci crederete, ma sono andati a prendere il sole in spiaggia in due, perché è abbronzata anche la moglie» Dopo l’incontro con il presidente americana e la First Lady Michelle, Berlusconi inaugura con queste parole l’intervento alla festa nazionale della Libertà di Milano. E’ la ripetizione di una battuta che, già all’indomani dell’elezione di Obama nel 2008, destò molte polemiche. Il Cav. descrisse il Presidente degli Stati Uniti d’America come un «giovane, bello e abbronzato» (27 settembre 2009).
  6. We should be conscious of the superiority of our civilization, which consists of a value system that has given people widespread prosperity in those countries that embrace it, and guarantees respect for human rights and religion. This respect certainly does not exist in the Islamic countries.”Asserting the West’s superiority to Islam just days after the attacks of 9/11 struck many as emblematic of the sweeping generalizations that helped fuel the conflict in the first place. Arabs were apoplectic, and allies around the world rejected Berlusconi’s comments, which undermined efforts to build a global coalition to confront terrorism. Berlusconi said his remarks were poorly translated and taken out of context
    La superiorità dell’Occidente – «Noi dobbiamo essere consci della superiorità della nostra civiltà, che consiste di un sistema di valori che ha dato alla gente una diffusa prosperità nei paesi che l’hanno abbracciata, e garantisce rispetto per i diritti umani e le religioni. Questo rispetto di sicuro non esiste nei paesi Islamici». E’ il settembre 2001, nei giorni successivi l’attentato alle Torri Gemelle. Nel mezzo dei tentativi di costruire una alleanza globale per affrontare il terrorismo, Berlusconi si fa portavoce delle generalizzazioni sull’Islam. In seguito si scuserà, affermando che le sue parole sono state mal tradotte e fuori contesto (27 settembre 2001).
  7. “Mussolini never killed anyone. Mussolini used to send people on vacation in internal exile.” Well, that’s one way of putting it. Berlusconi’s remark reads like a twisted euphemism, though in fact he was rejecting the comparison of Italy’s fascist dictator — who exiled his political enemies to internment camps — to Saddam Hussein’s willingness to execute foes. Still, defending as “benign” the despot who allied himself with the Nazis during World War II was a recipe for reopening old wounds in a nation seeking to shelve this dark chapter of its history. Critics savaged Berlusconi for the comment, which he made in 2003 to an Italian magazine, but the pol simply shrugged it off.
    «Mussolini non uccise nessuno, Mussolini mandava la gente in vacanza all’estero». E’ il punto di vista del nostro ex primo ministro contenuto nell’intervista del settimanale britannico «The Spectator».  Berlusconi affronta il tema dell’Iraq (è il periodo della Seconda Guerra del Golfo) ed è sollecitato a fare un paragone tra Saddam e Benito Mussolini, il cui regime, secondo il premier, non fu feroce come quello iracheno. Berlusconi si sofferma sul fatto «che in Medio Oriente non c’è democrazia, è un popolo che per quasi quarant’anni ha conosciuto solo la dittatura e non conosce altro sistema che la dittatura…» E Nicholas Farrell, uno dei due cronisti inglesi che ha condotto l’intervista ,lo interrompe: «Come in Italia?» Berlusconi: «Lasciamo stare, era una dittatura molto più…». «Benevolente», dice, «o benigna», traduce l’interprete del presidente del Consiglio. Riprende Berlusconi: «Sì, Mussolini non ha mai ammazzato nessuno, Mussolini mandava la gente a fare vacanza al confino» (11 settembre 2003).
  8. “I am the Jesus Christ of politics. I sacrifice myself for everyone.”An inflated sense of self-worth is embedded in every politician’s DNA. How else can one account for the shared conviction that they’re the right individual to lead their constituents? In this 2006 gem, Berlusconi flashes a pretty outrageous persecution complex. With his bombastic style, massive fortune and legendary vanity, Berlusconi (one of Italy’s richest men) doesn’t appear to have much in common with the guy he’s name-checking. Then again, Jesus wasn’t properly appreciated in his time either.
    «Io sono il Gesù Cristo della politica, una vittima . Sopporto tutto, mi sacrifico per tutti». Un senso di autostima smisurato quello paventato dal Cavaliere in questa dichiarazione durante un comizio a Roma nei giorni della campagna elettorale per le politiche del 2006. Con lo stile enfatico e la leggendaria vanità che lo contraddistingue da quasi 20 anni, Berlusconi arriva a sottolineare le analogie con il Salvatore. Sempre in quell’occasione, il premier chiuse il discorso con un’altra battuta: «Spero che i miei figli non mi facciano interdire» (12 febbraio 2006).
  9. I’m getting out to mind my own f—ing business, from somewhere else, and so I’m leaving this sh—y country, of which I’m sickened.”A police investigation into extortion charges revealed a phone conversation with Berlusconi and Valter Lavitola, the editor of a small newspaper and one of the men accused of bribing the Prime Minister. In the conversation, Berlusconi erupted into anger and denounced his country. Italians were outraged by his comments but the Prime Minister shrugged it off, calling it “one of those things you say on the telephone late at night.”
    «Tra qualche mese me ne vado, vado via da questo paese di merda… di cui… sono nauseato… punto e basta». E’ il periodo dei processi. In una telefonata del 13 luglio 2011 intercettata in merito al Caso Tarantini, sulla presunta estorsione di cui sarebbe stato vittima, il Cavaliere mostra tutta la sua amarezza per i fatti giudiziari che lo coinvolgono. Dall’altra capo del telefono c’è Valter Lavitola, ex direttore de L’Avanti, accusato di aver fatto da tramite per i versamenti di denaro al faccendiere. Si parla sopratutto di vicende legali. E’ giusto ricordare che qualche anno prima, il 26 gennaio del ’94, Berlusconi faceva il suo ingresso nelle case degli italiani con un videomessaggio con cui inaugurava la campagna elettorale: «L’Italia è il paese che amo» (13 luglio 2011).
  10. “I am, and not only in my own opinion, the best Prime Minister who could be found today. I believe there is no one in history to whom I should feel inferior. Quite the opposite.”In October 2009, the constitutional court overturned a ruling that allowed Berlusconi to have immunity from prosecution while in office. The verdict reopened two corruption cases, and in a press conference, Berlusconi declared himself the most “legally persecuted man of all times, in the whole history of mankind, worldwide.”
    Sono il miglior premier della storia – «Credo sinceramente di essere stato e di essere di gran lunga il miglior presidente del Consiglio che l’Italia abbia potuto avere in 150 anni della sua storia». Berlusconi liquida così un giornalista spagnolo che gli chiedeva dello scandalo sessuale e del giro di prostituzione e veline in cui sarebbe coinvolto (10 settembre 2009).

gli intoccbili logowordpress

Gli Intoccabili https://intoccabili.wordpress.com/

Segnalazioni

(Mandami una mail per suggerire notizie,suggerimento su come
migliorare il sito, etc…)

intoccabili.gli@gmail.com

Iscriviti alla Newsletter (New)

Per iscriverti:

Manda una mail con oggetto: Iscrizione Newsletter a: intoccabili.gli@gmail.com

Segui il blog sui social network

facebook_30x30twitter_30x30 youtube_30x30rss_30x30newsletter_30x30 tumblr - Copia

Annunci

One Trackback to “Il Time e le 10 peggiori gaffe di Silvio Berlusconi”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: