Posts tagged ‘Berlusconi’

martedì 23 settembre 2014

Salvini su Berlusconi “ho spiegato perchè siamo incompatibili con Alfano, gli ho detto se c’è Alfano non ci siamo noi”

IPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Intoccabili -@GliIntoccabili

Matteo Salvini in collegamento telefonico con Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro a “un giorno da pecora” in onda su Radio 2 racconta la cena da Silvio Berlusconi domenica sera ad Arcore.

La prima domanda che gli pongono è cosa si è mangiato ad Arcore “spaghetti al pomodoro e arrosto con le patate” è la risposta del segretario leghista.
Con riferimento alle famose serate di Arcore chiedono chi c’era alla cena: “c’era un sacco di gente… tutti vestiti e uomini, io Giorgietti, Toti e Berlusconi, abbiam parlato di Milan, era arrabbiato… ma d’altronde la Juve è più forte” chiedono inoltre se erano presenti la Pascale e la Rossi e la risposta è “no”

venerdì 19 settembre 2014

Mineo (Pd): ‘L’Italicum è una truffa. Mi caccino, non voto delega in bianco’


video di agnese ballatori

Audio da Radio Radicale
Il senatore del Partito Democratico Corradino Mineo, intervistato per Radio Radicale da Lanfranco Palazzolo

“Non voterò mai la fiducia su questa delega in bianco, così come non voterò mai una legge elettorale pasticciata come quella che Renzi e Berlusconi stanno preparando. L’Italicum è una truffa. Se mi vogliono cacciare mi caccino, ma se uno dice sempre sì poi accade che si rende responsabile di scelte compiute anche quando non ci sei”

Scontro Meli – Mineo: ‘Non ho mai ricevuto veline! Il Pci ti ha messo in Rai’

domenica 14 settembre 2014

2008, Gasparri “FIni succederà a Berlusconi”

video di klauscondicio

28 marzo 2008

domenica 14 settembre 2014

“LA BANDA LARGA” Dal Vangelo secondo Matteo…. l’editoriale di Marco Travaglio

 

renzi-selfie1

Dal Vangelo secondo Matteo, che esce ogni giorno a edicole unificate sotto varie testate, si apprende che Renzi ha impresso al centrosinistra una poderosa “svolta” ( Repubblica e Corriere : paghi due, prendi uno), un “cambio di stagione”, una “mutazione genetica”, una “metamorfosi” ( Repubblica ) anche in materia di giustizia: prima era “giustizialista”, ora è “garantista” ( Corriere ) anzi “postgiustizialista” ( Repubblica ); prima tifava giudici, adesso non più, in nome del “primato della politica” ( Repubblica e Corriere ) e grazie alla “fine del berlusconismo” da cui Renzi ha “liberato il paese” ( Repubblica ). Vivi applausi dalla base, che apprezza la sua “posizione coraggiosa” ( Corriere ) e ha già da tempo “atteso e metabolizzato la svolta come un ritorno alla normalità, come il desiderio di emanciparsi da un complesso di colpa o di inferiorità” e “liberarsi da un atteggiamento caudatario nei confronti della magistratura” ( Repubblica ). Ecco dunque le grandi novità del neogarantismo pidino: l’elogio del condannato Errani e dell’indagato Descalzi, la difesa dell’inquisito Bonaccini, la promozione a sottosegretari degl’indagati Barracciu, De Filippo, Del Basso de Caro e Bubbico, e soprattutto l’”offensiva riformista del premier sulla giustizia” ( Corriere ), cioè “le riforme promosse senza consultare l’Anm” ( Repubblica ). Insomma, “dai tempi di Mani Pulite a oggi mai si era assistito a uno scontro così duro e aperto tra un leader del centrosinistra e il potere giudiziario” ( Repubblica ).

giovedì 11 settembre 2014

Freccero “il fatto che sia diventato Casaleggio il leader dei 5 stelle è la fine”

video di Nicola Zanotto

‘Il problema grosso è che manca l’opposizione, guarda quella storia di Farage…il fatto che sia diventato Casaleggio il leader dei 5 stelle è la fine, va addirittura nel luogo del delitto (n.d.r a Cernobbio)’
Cosi Carlo Freccero in collegamento telefonico a La Zanzara su radio24.
Poi un giudizio sull’attuale situazione politica “L’usignolo mediatico di Renzi ha incantato tutti, è una cosa che spaventa, l’informazione sta perdendo punti”

mercoledì 10 settembre 2014

Bianconi (Forza Italia) ‘Ci sono imbecilli nel mio partito. Nel 2008 avevamo 13 milioni di voti, oggi tre. C’è qualcosa che non va’

video di Audio e video da La Zanzara (unofficial)

L’onorevole Maurizio Bianconi di Forza Italia è ospite di Giuseppe Cruciani e David Parenzo a La Zanzara in onda su Radio24.

L’onorevole Bianconi afferma che ‘la camorra garantisce più dello stato’ rispondendo cosi alla domanda di Giuseppe Cruciani che gli chiede come mai i testimoni saltano fuori quando ad uccidere è la polizia e non quando a uccidere è la camorra.

mercoledì 10 settembre 2014

Albano: “Putin è l’uomo giusto per rimettere in sesto e governare l’Italia. Berlusconi un genio”

video di Audio e video da La Zanzara (unofficial)

AlBano sopite lunedì 8 settembre,  di Giuseppe Cruciani e David Parenzo, ai microfoni de La Zanzara.
Putin è la persona giusta per rimettere in sesto e governare l’Italia”.

mercoledì 10 settembre 2014

Boschi: “Ministro perché bella? Tristi le parole di Bindi”

video di La7 Attualità

martedì 9 settembre 2014

Travaglio contro Moretti “Non avete reintrodotto il Falso in Bilancio, non è reato come ai tempi di Berlusconi”


video di 884c25TV

Scontro nella puntata di In Onda nella trasmissione di Lilli Gruber di ieri tra Marco Travaglio e Alessandra Moretti.

Moretti: “Abbiamo reintrodotto il falso in bilancio!”.

sabato 30 agosto 2014

Travaglio contro Comi “Sta in partito fondato da mafioso, si vergogni e stia zitta”


video di La7 Attualità

A in Onda su La7 va vivace ccontro tra l’eurodeputata Lara Comi di Forza Italia e Marco Travaglio, condirettore de Il Fatto Quotidiano nel corso della puntata del 28 agosto nel programma condotto da Salvo Sottile e Alessandra Sardoni 

domenica 20 luglio 2014

Ferrara contro Mentana e Travaglio: “O lo metti a tacere o ti mando affanculo””

video di 884C25

Lite a “Bersaglio Mobile”, il programma di La 7 condotto da Enrico Mentana tra Giuliano Ferrara. e Marco Travaglio, nella puntata speciale dedicata all’assoluzione di Silvio Berlusconi nel Processo Ruby,

domenica 20 luglio 2014

I nipoti di Mubarak, l’editoriale di Marco Travaglio

travaglio-berlusconi
A leggere i giornali e a vedere i telegiornali che commentano la sentenza su Berlusconi nel processo Ruby, si direbbe che sia la prima volta che un collegio di giudici milanesi assolve l’ex Cavaliere. Si direbbe anche che la Procura s’è inventata le decine di prostitute, minorenni e non, che entravano e uscivano dalle sue varie dimore; e soprattutto le sue telefonate notturne dal vertice internazionale di Parigi al capo di gabinetto della Questura, Pietro Ostuni, perché facesse rilasciare la minorenne fermata per furto (con la quale aveva una relazione e che trascorreva diverse notti ad Arcore) nelle mani di Nicole Minetti e della collega Michelle Conceicao, contro il parere della pm Annamaria Fiorillo. E si direbbe ancora che il 30 dicembre 2012 il Pd e il Pdl non abbiano modificato, con la legge Severino comicamente detta “anticorruzione”, il reato di concussione per induzione di cui casualmente dovevano rispondere sia il leader Pdl sia Filippo Penati, braccio destro del segretario Pd Pier Luigi Bersani. Ascoltando e leggendo poi vari commentatori, fra i quali spicca il sempre più autorevole e lucido Giuliano Ferrara, si direbbe pure che la sentenza Ruby non riguardasse solo il caso Ruby (per la parte contestata a B.), ma tutte le accuse passate presenti future mosse dai magistrati non solo al Caimano, ma anche a tutti i politici e i potenti imputati di ogni specie e colore, vivi e morti, compresi quelli già condannati con sentenza definitiva, inclusi quelli di Tangentopoli. Un’assoluzione plenaria, urbi et orbi, che “chiude un’epoca”, anzi la “guerra dei vent’anni”, ragion per cui “nulla sarà più come prima”. E, sottinteso, il Padre Prostituente finalmente riabilitato e ormai lindo come giglio di campo può riformare la Costituzione repubblicana con l’inseparabile Matteo, idolo di tutti i poteri, e dunque di tutte le tv e i giornali di destra e sinistra.
read more »

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: